Milano, degrado e vandalismo, terminal metrò San Donato irriconoscibile

451

Basta guardare queste immagine per restare sdegnati, ma le immagini, anche se crude, forse non bastano. Serve intervenire in modo tale che certe cose non accadano più e che tali situazioni non si generino ancora.

Siamo al terminal della metropolitana gialla di San Donato, a Milano, le foto in reportage scattate nella notte di ieri sera tra sabato e domenica mostrano il degrado e lo scempio, auto danneggiate e vandalizzate, bici sbattute in terra rovinosamente, cartoni, e spazzatura.

No, non è una discarica, anche se dalle immagini sembrerebbe così, è una zona, un luogo dove ogni giorno centinaia di persone e cittadini transitano e prendono mezzi pubblici, luogo di passaggio e di vita quotidiana di molti e molti milanesi e non.

Ci eravamo occupati in un articolo, di una bici del bikesharing legata “affettuosamente” ad un palo, ma qui, in questo caso, e molti altri purtroppo, le uniche emozioni possibili sono lo sdegno e la rabbia, la rabbia verso un gesto, anzi più gesti, attui a denigrare una città, vandalizzare una zona e danneggiare con degrado un bene e i beni che ogni giorno migliaia di persone utilizzano, beni e valori collettivi che, grazie al lavoro, all’impegno, e alla volontà civile e benevola di tutti, o quasi tutti, vengono costruiti e sviluppati e messi al servizio di tutta la città. Luoghi che dovrebbero, in ottica di benessere cittadino e personale, avere lo scopo e il fine di rendere la città posto di bel vivere, rendere la vita di ognuno sicura e piacevole.

Ma no, non è così osservando lo scempio di questi scatti, luoghi deturpati, beni vandalizzati, violentati, e tanto lavoro, impegno e ricerca di benessere e sicurezza cittadina violato.

Allora perchè non indignarsi? Perchè osservare tutto ciò e restare indifferenti come fosse oramai abitudine?

No, non può essere abitudine. Non ci si può abituare alla mancanza di rispetto verso tutto questo, perchè ogni situazione di questo tipo è una violenza contro ogni cittadino ed ogni persona. Persone che ogni giorno, ogni ora, ogni momento vivono la propria city, con sforzo, lavoro, impegno per rendere il tutto più bello e degno di essere vissuto.

Articolo di Lorenzo Chiaro


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 

Commenti
Loading...