Milano Avvocatessa ferita, si cerca un cliente aggressivo

60

Milano 22 luglio 2017 – L’avrebbe raggiunta nel suo studio col solo intento di uccidersi, di vendicarsi probabilmente per un presunto sgarro subito nel lavoro. Questo il profilo che gli investigatori della Squadra Mobile di Milano hanno tracciato dell’uomo che, giovedì 20 luglio in serata, ha accoltellato con cinque fendenti Paola Marioni, avvocatessa milanese, nel suo studio di via dei Pellegrini a Porta Romana. La donna, portata in codice rosso al Policlinico, è stata operata per otto ore e ad oggi sembra in miglioramento anche se le sue condizioni sono gravi.

L’indagine si è subito indirizzata sull’ambito professionale, visto che la vittima si occupa di fallimenti, recupero crediti, custodia giudiziaria di immobili pignorati per conto del Tribunale e mediazione nelle cause di divorzio. Secondo una prima ricostruzione l’avvocatessa è statacontattata al telefono il giorno prima, mercoledì mattina, da una persona che ha dato un nome – poi rivelatosi falso – per un appuntamento in cui discutere di una questione condominiale .

L’appuntamento è per giovedì sera alle 18.45, non a caso un orario vicino alla chiusura dello studio: forse l’uomo, che evidentemente aveva pianificato tutto, voleva essere sicuro di essere solo. Sta di fatto che il cliente è entrato in studio armato di coltello (arma non ritrovata dagli agenti) e non si sa se subito o dopo una lite, aggredisce la Marioni. La donna si difende e urla aiuto. Fortunatamente un vicino sente e chiama il 112. Quando arrivano i sanitari del 118, lei grida un nome annotato in agenda. Segnoche lei non l’ aveva mai incontrato. per trovare il vero nome non resta che controllare tutte le pratiche di lavoro della professionista. La Marioni non è sposata e vive nel complesso residenziale al civico 26 dove abita anche l’anziana madre e dove si trova anche lo studio.

Articolo di Lorenzo Chiaro

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...