fbpx
CAMBIA LINGUA

Milano: arrestati tra le stazioni di Rogoredo e San Donato Milanese tre spacciatori per spaccio e detenzioni di stupefacenti

Sequestrate diverse dosi di droga pronte per la vendita al dettaglio.

Milano: arrestati tra le stazioni di Rogoredo e San Donato Milanese tre spacciatori per spaccio e detenzioni di stupefacenti.

Milano. La Polizia di Stato, nel corso del servizio straordinario di contrasto allo spaccio di droga tra le stazioni ferroviarie di Rogoredo e di San Donato Milanese, ha arrestato un cittadino tunisino e due cittadini marocchini per spaccio e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e ha sequestrato diverse dosi di droga pronta per la vendita al dettaglio.

L’attività svolta dagli agenti della Squadra Mobile, del Commissariato Mecenate e della Polizia Ferroviaria, nel corso della quale sono state controllate 230 persone, delle quali 49 risultate avere precedenti di polizia, è il seguito dei servizi predisposti dal Questore Giuseppe Petronzi nei mesi di novembre e dicembre dello scorso anno e che, nelle ultime tre settimane, ha portato all’arresto di 11 persone.

Dopo una prima fase di documentazione attraverso foto trappole, posizionate in diverse postazioni, i poliziotti, che hanno bonificato un’area recentemente utilizzata dai pusher per spacciare nascosti nella ormai scarna vegetazione, hanno individuato la dinamica di spaccio e individuato un pusher, cittadino tunisino di 56 anni, accerchiato da diversi tossicodipendenti che stavano acquistando le sostanze stupefacenti, posizionato sotto il ponte della tangenziale est, in un’area dove gli spacciatori si ritengono al sicuro: i poliziotti, tuttavia, in abiti civili e grazie alle immagini ricavate dalle fototrappole, sono riusciti ad avvicinarsi alla postazione di spaccio confondendosi con i tossicodipendenti. Il 56enne è stato bloccato mentre aveva tra le mani un sacchetto di cellophane contenente 32 grammi di eroina e 3 grammi di cocaina. Per terra, proprio dove era seduto lo spacciatore, è stato trovato un bilancino di precisione mentre, nel suo giubbotto, sono stati trovati circa 200 euro suddivisi in banconote di piccolo taglio.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

controlli

Nel frattempo, poco distante dal luogo dell’intervento, altri poliziotti in abiti civili, appostati per coprire eventuali vie di fuga dello spacciatore, hanno notato un cittadino marocchino di 59 anni che aveva tra le mani un sacchetto di colore bianco e che cercava di nascondere qualcosa vicino ai binari della ferrovia. Immediatamente fermato, è stato trovato in possesso di 30 grammi di eroina, di 30 grammi di hashish e di 250 euro suddivisi in monete e banconote di piccolo taglio.

Confondendosi con i tossicodipendenti i poliziotti, poi, sempre grazie alle immagini ricavate dalle fototrappole, sono riusciti ad avvicinarsi a un’altra postazione di spaccio nei pressi di uno stabile in stato di abbandono: lì hanno sorpreso un cittadino marocchino di 26 anni che vendeva la sostanza stupefacente a diversi tossicodipendenti e che aveva tra le mani un sacchetto di cellophane con 25 grammi di eroina e 12 grammi di cocaina. Per terra c’erano 3 bilancini di precisione e, in una tracolla che lo spacciatore indossava, gli agenti hanno trovato 1.200 euro.

Nel corso del servizio, volto a scardinare l’attività di spaccio di droga da parte degli ultimi pusher presenti nell’area, sono stati anche indagati due cittadini per reati in materia di immigrazione, un cittadino comunitario è stato accompagnato in Questura per la notifica di un provvedimento emesso nei suoi confronti e un italiano è stato sanzionato amministrativamente per l’attraversamento dei binari.

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×