Marsala, cerca di far saltare in aria l’altare del santuario Nostra Signora di Fatima: arrestato

Marsala, aveva appiccato il fuoco all’altare del santuario Nostra Signora di Fatima, nella Contrada Birgi Nivaloro di Marsala, l’uomo tratto in arresto mercoledì sera dagli operatori della Polizia di Stato.

Gli agenti del Commissariato di Marsala erano intervenuti a seguito di una segnalazione, notando colonne di fumo fuoriuscire dalla chiesa ed apprendendo che un uomo, conosciuto in quella comunità religiosa, si era introdotto al momento dell’apertura pomeridiana all’interno della chiesa, con una tanica di benzina e due bombole di gas. Notato dal custode, era stato visto mentre versare il liquido infiammabile sull’altare nonché sulla pedana in legno sotto il tabernacolo e poi appiccare il fuoco.
In seguito si era allontanato precipitosamente, invitando anche il custode a recarsi altrove, attesa la presenza di due bombole di gas, da lui collocate all’interno dell’edificio, che sarebbero potute esplodere da un momento all’altro.
Nella circostanza, l’incendiario veniva tuttavia raggiunto da una vampata di ritorno del fuoco, che ne attingeva i pantaloni, pertanto era costretto a cercare un bagno dove trovare acqua per potere spegnere le fiamme e si rifugiava quindi momentaneamente in un’abitazione attigua alla chiesa.
In seguito, evidentemente ustionato, l’uomo scappava precipitosamente a bordo della sua vettura.
Qualche istante dopo l’allontanamento giungeva sul posto personale del Commissariato di P.S. di Marsala ed una squadra dei Vigili del Fuoco che riusciva a mettere in sicurezza la struttura, spegnendo le fiamme e portando all’esterno le due bombole presenti all’interno della chiesa, una rinvenuta vicino al leggio dell’altare, l’altra nella stanza della sacrestia. Il Santuario, quindi, grazie alla tempestività dell’intervento, non riportava danni strutturali anche se la zona dell’altare risultava gravemente danneggiata.
Sul posto gli operatori del Commissariato di P.S. di Marsala provvedevano a raccogliere più elementi utili alle indagini, escutendo i testimoni ed effettuando i rilievi di Polizia Scientifica.
Altri agenti, unitamente a quelli della Squadra Mobile della Questura di Trapani, rintracciavano il fuggitivo presso il Pronto Soccorso dell’ospedale di Marsala dove si era recato per farsi curare le ustioni riportate.
L’incendiario veniva trovato con indosso i vestiti intrisi di liquido infiammabile ed in parte bruciati dalle fiamme.
Nella circostanza lo stesso rilasciava dichiarazioni spontanee nelle quali confermava di essere l’autore dell’incendio e che l’insano gesto era stato frutto di un raptus dovuto a motivi personali.
Al termine delle incombenze l’uomo veniva tratto in arresto con l’accusa di incendio doloso aggravato e tradotto presso il carcere di Trapani.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...