Mantova, prova a estorcere denaro alla madre e maltratta i famigliari: i Carabinieri gli mettono le manette

Mantova, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile, nelle prime ore di ieri, hanno tratto in arresto un 34enne mantovano per i reati di tentata estorsione, maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate.
I fatti sono avvenuti nella serata del 27.06.2021 allorquando l’uomo teneva condotte violente e minacciose dapprima contro la madre e, successivamente, contro il fratello, al fine di ottenere la consegna di una somma di denaro pari a 100 euro. Il rifiuto della donna, stanca dell’atteggiamento aggressivo e violento del figlio e della continua richiesta di somme di denaro che ormai andava avanti da alcuni mesi, faceva andare su tutte le furie l’uomo che iniziava ad inveire contro la madre ed a minacciarla. Solo il provvidenziale intervento del fratello permetteva alla donna di uscire dall’appartamento per evitare guai peggiori. A quel punto, l’uomo scagliava a terra un posacenere in cristallo e, dopo averne raccolto un pezzo infranto, lo lanciava contro la gamba del fratello procurandogli una vistosa ferita alla tibia, per la quale doveva ricorrere alle cure dei sanitari del 118. Qualche ora dopo, l’uomo reiterava le minacce di morte contro la madre ed il fratello, questa volta anche alla presenza del padre, mentre brandiva un grosso pugnale, sempre con la finalità di ottenere la somma di denaro richiesta. Fortunatamente, visto il degenerare della situazione, il fratello riusciva ad allertare i Carabinieri di Mantova e solo il tempestivo intervento dei militari della Radiomobile interrompeva le minacce e violenze tenute dall’uomo, non nuovo a questo tipo di atteggiamenti in ambito familiare. I Carabinieri dopo aver reso l’uomo inoffensivo, immediatamente avevano modo di prendere cognizione diretta delle tracce dei reati consumati ed acquisivano tutti gli elementi utili alla ricostruzione dei fatti, dichiarandolo pertanto in arresto per la quasi flagranza dei gravi fatti-reato.
Dopo le formalità di rito, l’uomo veniva accompagnato presso il carcere di via Poma. Questa mattina, su richiesta del P.M. di turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Mantova, il Giudice per le Indagini Preliminari, ravvisata la sussistenza e la gravità dei reati contestati, ha convalidato l’arresto e disposto l’applicazione della misura cautelare della custodia in carcere.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...