Mantova, la baby-gang rapinava i coetanei: 5 minori ai domiciliari

Mantova, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia cittadina, nei giorni scorsi, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa della misura cautelare dell’obbligo di permanenza in casa, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale per i Minorenni di Brescia su richiesta della Procura per i minorenni, nei confronti di cinque minorenni gravemente indiziati di essere i responsabili di due episodi di rapina e tentata rapina perpetrati nel centro cittadino di Mantova nella serata del 22 giugno scorso in danno di quattro coetanei. Gli aggressori avevano accerchiato dapprima due coetanei e successivamente altri due, facendo leva sulla supremazia numerica, con la minaccia di un coltello, e pretendendo la consegna di denaro.

A due delle vittime era stata asportata la somma complessiva di quaranta euro mentre gli altri due malcapitati, in quel momento sprovvisti di denaro, erano stati lasciati andare dopo essere stati arbitrariamente perquisiti.
I Carabinieri del NORM di Mantova sono riusciti a ricostruire dettagliatamente i gravi eventi delittuosi e ad identificare gli indagati grazie alle testimonianze delle vittime, alcune delle quali non erano intenzionate a sporgere denuncia, e di alcuni presenti, e all’analisi dei filmati dei sistemi di videosorveglianza della zona.
I minori ora dovranno permanere presso le proprie abitazioni con la possibilità di uscire solo per recarsi a scuola e per seguire le attività predisposte dai servizi sociali.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...