Mantova, hashish e marijuana nascosti nel pollaio: sequestrati oltre 60kg di droga: 2 arresti

Lo stupefacente, pronto per essere immesso sul mercato nazionale, è stato ritrovato nascosto al di sotto di alcune lamiere

Mantova, i poliziotti della Squadra Mobile, impegnati nei servizi finalizzati alla prevenzione e alla repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti, individuavano un 45enne all’uscita del lavoro da una Azienda di Mantova che, alla loro vista, iniziava ad assumere un comportamento strano, ad agitarsi ed a dare risposte evasive alle domande che gli venivano poste.

Gli investigatori, pertanto, procedevano ad una perquisizione personale e domiciliare che consentiva, presso la sua abitazione, di rinvenire una consistente quantità di sostanze stupefacenti: nello specifico, suddivisi in 3 diverse confezioni, venivano sequestrati alcuni “panetti” di hashish del peso totale di 300 grammi.

Il soggetto è stato quindi arrestato e la droga sequestrata.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Il prosieguo delle indagini consentiva inoltre ai poliziotti, nell’immediatezza, di individuare il probabile canale di approvvigionamento utilizzato dal soggetto arrestato per rifornirsi dello stupefacente e pertanto, considerata l’assoluta necessità ed urgenza di procedere nelle attività operative, effettuavano una seconda perquisizione nei confronti di un altro soggetto, nel corso della quale veniva rinvenuto e sequestrato un quantitativo di hashish del peso complessivo di 55 kg, ed un quantitativo di marijuana del peso di 5,7 kg.

Tutto questo stupefacente, pronto per essere immesso sul mercato nazionale, è stato ritrovato occultato all’interno di un pollaio situato nelle pertinenze dell’abitazione, nascosto al di sotto di alcune lamiere. L’ hashish era stato confezionato in 535 sacchetti di cellophane sottovuoto di circa 100 grammi ciascuno, mentre la marijuana, era contenuta in una borsa di plastica, divisa in 5 confezioni.

Sono tuttora in corso attività investigative, delegate dalla Procura della Repubblica, volte al riscontro di elementi utili per ricostruire l’intera vicenda ed individuare eventuali, ulteriori collegamenti tra gli arrestati e gli ambienti interessati dal traffico di sostanze stupefacenti.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...