Mantova, genitore trova hashish nella stanza da letto della figlia minorenne e chiama la Polizia

Mantova, Nel pomeriggio di ieri perveniva alla Centrale Operativa della Questura una telefonata con richiesta di intervento nella quale il patrigno di una ragazza 17enne riferiva di aver rinvenuto un pacchetto contenente una cospicua quantità di una sostanza che, verosimilmente, avrebbe potuto essere “hashish”, nascosto tra gli effetti personali della giovane all’interno della sua stanza.
Una Pattuglia della Squadra “Volante”, pertanto, dopo essersi immediatamente recata in un Quartiere periferico di Mantova, presso l’abitazione di questa famiglia, riceveva spontaneamente dall’uomo un involucro contenente la presunta sostanza stupefacente.
La ragazza, presente nell’abitazione al momento dell’intervento, incalzata dalle domande degli Agenti di Polizia forniva, con molte contraddizioni, un racconto assolutamente inverosimile: asseriva, cioè, di avere trovato alcuni mesi orsono l’involucro contenente la droga nella vicina campagna, in un campo agricolo, e di averlo raccolto e poi nascosto nella sua stanza da letto, con l’intento di cederlo, successivamente, a titolo gratuito ad un suo conoscente.
Gli Agenti intervenuti, nutrendo non pochi dubbi sulla ricostruzione dei fatti fornita dalla 17enne, decidevano di effettuare una perquisizione domiciliare, limitata alla camera da letto di costei; al termine dell’operazione di Polizia, dopo aver ispezionato attentamente tutta la stanza, gli Uomini della “Volante” rinvenivano in un cassetto, nascosto tra gli indumenti, un bilancino di precisione sul quale piatto risultavano evidenti tracce riconducibili alla pesatura di sostanze stupefacenti.
Per quanto accaduto la 17enne veniva condotta negli Uffici di Piazza Sordello, ove, in considerazione di quanto accaduto, gli Agenti provvedevano a denunciarla a piede libero alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Brescia per detenzione ai fini spaccio di sostanze stupefacenti.
L’Autorità Giudiziaria, ora, dovrà ora decidere quali eventuali, ulteriori provvedimenti adottare nei suoi confronti; la sostanza stupefacente – risultata essere, dagli esami effettuati con il narcotest dal Gabinetto Provinciale della Polizia Scientifica di Mantova, del tipo “hashish”, per un peso di circa 30 grammi – veniva sequestrata unitamente al bilancino, e messa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria procedente.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...