fbpx
CAMBIA LINGUA

Mangia snack e fugge senza pagare, gli agenti lo bloccano e lui li prende a calci e pugni: arrestato

 Tratto in arresto un uomo italiano, pluripregiudicato, per il reato di tentata rapina impropria.

Rimini, mangia snack e fugge senza pagare: gli agenti lo bloccano e lui li prende a calci e pugni. Arrestato.

Nel pomeriggio di martedì 9 maggio 2023, personale della Polizia di Stato di Rimini ha tratto in arresto un uomo italiano, pluripregiudicato, per il reato di tentata rapina impropria.

Alle ore 16.45, una volante veniva inviata in viale Regina Margherita presso un esercizio commerciale, poiché al Numero di Emergenza 112-NUE era arrivata una chiamata nella quale veniva segnalato un uomo molesto che dava in escandescenza.

Giunti sul posto, gli agenti intercettavano il soggetto in questione ed appuravano che quest’ultimo, poco prima, recatosi all’interno di un minimarket, dopo aver consumato alcuni snack, cercava di allontanarsi, senza pagare il conto. L’uomo, invitato a saldare il conto dal titolare del negozio, reagiva spingendo quest’ultimo violentemente a terra. Per poi, recarsi in un secondo minimarket, continuava la sua condotta criminosa, e senza pagare gli alimenti consumati, colpiva il secondo esercente con un pugno.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Il soggetto, immediatamente bloccato dai poliziotti, si rifiutava di fornire le proprie generalità e mettendo in atto un atteggiamento molesto e aggressivo, scagliandosi contro gli stessi sferrando pugni e calci. Alla luce di quanto emerso, l’uomo veniva tratto in arresto e successivamente tradotto presso la locale Casa Circondariale a disposizione dell’A.G..

In relazione dei fatti accaduti, l’individuo veniva altresì deferito in stato di libertà per rifiuto di indicazioni sulla propria identità personale e resistenza a P.U..

Si ricorda che nei confronti delle persone indiziate ed imputate vige la presunzione di innocenza.

Rimini, usufruisce di qualche snack e poi cerca di fuggire senza pagare: va in escandescenza quando provano a fermarlo.

 

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×