fbpx
CAMBIA LINGUA

Maltratta la compagna, i suoi amici e i parenti: in arresto un trentenne italiano per reato di atti persecutori

Venuto a conoscenza della denuncia sporta dalla donna, l’uomo l’ha pesantemente minacciata, promettendole che sarebbe venuto a Vercelli per fargliela pagare.

Maltratta la compagna, i suoi amici e i parenti: in arresto un trentenne italiano per reato di atti persecutori.

Vercelli. Nella prima mattinata del 16 dicembre, personale della Squadra Mobile e delle Volanti della Questura di Vercelli hanno tratto in arresto un trentenne italiano in quanto gravemente indiziato del reato di atti persecutori.

L’intervento è nato dalla denuncia sporta dalla compagna dell’uomo nei giorni precedenti, nel corso della quale la donna riferiva che negli ultimi tempi il rapporto si era incrinato a causa dei comportamenti ossessivi e maltrattanti del compagno giunto al punto di aggredire amici e parenti della donna, danneggiare le loro auto per culminare poi in aggressioni fisiche.
Venuto a conoscenza della denuncia sporta in Questura dalla donna, l’uomo l’ha pesantemente minacciata, promettendole che sarebbe venuto a Vercelli per fargliela pagare.

Sabato mattina l’uomo si portava sotto casa della vittima, cercando di accedere all’abitazione e urlando in strada senza sapere però che gli uomini della Squadra Mobile della Questura si erano nel frattempo appostati nelle immediate vicinanze. L’uomo è stato immediatamente tratto in arresto in flagranza per atti persecutori e successivamente accompagnato in Questura per gli accertamenti di rito al termine dei quali è stato associato presso la locale Casa Circondariale a disposizione della competente A.G.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

È doveroso rilevare che l’odierno arrestato è, allo stato, solamente indiziato di delitto e che la sua posizione sarà definitivamente vagliata giudizialmente solo dopo l’emissione di una sentenza di condanna passata in giudicato in ossequio al principio costituzionale di presunzione di non colpevolezza.

atti persecutori

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×