Luino, scoperta una piantagione di marijuana a gestione familiare: genitori e figlio nei guai

Sequestrato anche un fucile a pompa clandestino

Luino, scoperta una piantagione di marijuana a gestione familiare: genitori e figlio nei guai.

Alla fine dello scorso mese di agosto gli agenti del Settore Polizia di Frontiera di Luino hanno scoperto una notevole piantagione di marijuana in località Cassano Valcuvia.

La piantagione è risultata gestita da tre persone, tutte appartenenti al medesimo nucleo familiare, rispettivamente padre di 73 anni, madre di 68 anni e figlio di 46, in possesso di doppia cittadinanza italiana ed elvetica e domiciliati tra l’alto varesotto e il Cantone Ticino. I tre sono stati sorpresi all’interno di un anonimo capannone industriale, apparentemente in disuso e posizionato in una zona periferica e disabitata.

Il blitz all’interno dell’abitazione

Ad insospettire gli agenti è stato il forte ed inconfondibile odore profuso dalla ricca fioritura in corso. Una volta all’interno si è scoperto che i tre avevano da tempo avviato la coltivazione in forma imprenditoriale di piante di marijuana, suddivise in relazione al progressivo stadio di crescita in più locali ricavati all’interno del capannone, ciascuno attentamente dotato di proprie caratteristiche di luce, temperatura ed umidità ambientale, confacenti alle diverse esigenze biologiche dal primo semenzaio fino alla maturità.

Ogni locale era servito da un gran numero di apparati automatizzati e temporizzati di illuminazione, climatizzazione, umidificazione ed irrigazione.

La piantagione

Per sostenere la rilevante e dispendiosa necessità di energia elettrica di tali apparati è stata manomessa la rete elettrica del capannone per realizzare un allaccio abusivo di capacità stimata di oltre 50 kw/h; inoltre, per scongiurare il rischio di non disporre dell’acqua sufficiente all’irrigazione durante l’arida stagione estiva appena trascorsa, è stata installata una piscina fuori terra della capacità di circa 6.000 litri.

Sono stati anche rinvenuti numerosi strumenti impiegati per la coltivazione della marijuana, tra cui terriccio e fertilizzanti, nonché per la raccolta del prodotto e per la successiva lavorazione e confezionamento, oltre ad una pressa idraulica impiegata per il confezionamento di panetti di hashish ricavati dalle infiorescenze delle piante coltivate.

Complessivamente sono state sequestrate quasi 2.200 piante di marijuana di varia grandezza, circa 73 kg di marijuana già raccolta e circa 1,7 kg di hashish, che, secondo le stime della polizia scientifica, avrebbero fruttato oltre 623.000 dosi di stupefacente.

Anche le armi

Nel corso della perquisizione il padre è stato anche sorpreso in possesso di un fucile a pompa con relativo munizionamento, non matricolato in Italia ed abusivamente detenuto, che si ritiene possa provenire dall’estero.

 

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...