fbpx
CAMBIA LINGUA

Livorno: impresa edile impiega lavoratori in nero, attività sospesa, titolari denunciati e sanzione da 5mila euro

Sanzionati un 37enne e un 41enne di origini albanesi.

Livorno: impresa edile impiega lavoratori in nero, attività sospesa, titolari denunciati e sanzione da 5mila euro.

Prosegue in tutta la provincia di Livorno la campagna di controlli straordinari ai cantieri dell’Arma dei Carabinieri per contrastare il lavoro sommerso e garantire la sicurezza sui luoghi di lavoro.
I controlli effettuati ad alcune imprese edili da parte dei Carabinieri della Stazione di Montenero unitamente ai colleghi del NIL – Nucleo Ispettorato del Lavoro di Livorno hanno portato i militari a sanzionare un 37enne e un 41enne di origini albanesi, rispettivamente titolare e socio di un’impresa edile, ritenuti responsabili di alcune gravi violazioni della normativa di settore tali da indurre gli operanti a sospenderne le attività fino a quando le criticità non saranno sanate. In particolare, all’atto dell’accesso in cantiere, i carabinieri hanno riscontrato varie violazioni inerenti alla sicurezza sui luoghi del lavoro tra cui la mancanza delle tavole fermapiede e la presenza di due lavoratori in nero.
Non solo, uno di essi, di origini extracomunitarie, era anche privo di permesso di soggiorno e quindi irregolare sul territorio nazionale.
I carabinieri hanno quindi proceduto alla denuncia in stato di libertà all’AG dei predetti ed elevato sanzioni per un totale di 5.000 euro.

Livorno: impresa edile impiega lavoratori in nero, attività sospesa, titolari denunciati e sanzione da 5mila euro.

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp
×