fbpx

Livorno: denunciati per lesioni aggravate contro due coetanei. Chiuso ristorante di uno stabilimento balneare di Cecina.

I Carabinieri continuano a portare avanti la campagna di controllo degli stabilimenti balneari, denominata "Estate tranquilla".

Livorno: denunciati per lesioni aggravate contro due coetanei. Chiuso ristorante di uno stabilimento balneare di Cecina.

I Carabinieri della Stazione di Livorno centro, dopo una rapida e proficua indagine, hanno denunciato in stato di libertà tre giovani livornesi, ritenuti responsabili, a vario titolo, di lesioni e minacce aggravate ai danni di due coetanei. Secondo la ricostruzione degli investigatori, non facile in casi del genere, nei casi di litigi nati per futili motivi nel caos dei locali della “movida”, uno dei due ragazzi (vittima dell’aggressione), durante una serata in discoteca, avrebbe ricevuto la telefonata di un amico coetaneo che, in tono concitato, gli ha chiesto di raggiungerlo al “ponte” (sottintendendo quello che dalla Fortezza Vecchia conduce a via della Cinta Esterna). Il ragazzo, intuendo che l’amico si trovasse in pericolo, lo ha raggiunto, dove, in effetti, due ragazzi lo stavano aggredendo anche con il lancio di sassi.

Sarebbero spuntati perfino due coltelli utilizzati, sembrerebbe, solo per minacciarlo. Il 20enne ha cercato di difendere l’amico, ma è stato a sua volta accerchiato e aggredito con calci e pugni da altri due giovani, nonché minacciato verbalmente di morte, mentre il primo che aveva chiesto il suo aiuto è riuscito a scappare. Le ecchimosi riportate al volto sono state giudicate guaribili in 10 giorni. I carabinieri, prontamente intervenuti, hanno avviato le indagini anche attraverso l’analisi dei profili social degli aggressori, che erano conosciuti solo di vista dalla vittima, estrapolando le foto di interesse. Per completare l’opera i militari si sono poi avvalsi del S.A.R.I. (Sistema Automatico Riconoscimento Immagini), in dotazione, che, insieme alla approfondita conoscenza del territorio, ha consentito loro in poco tempo di identificare tutti gli autori della condotta violenta. I tre giovani, di età compresa tra 18 e 21 anni, sono stati denunciati all’A.G. di Livorno per lesioni aggravate e per minaccia grave.

Livorno: denunciati tre giovani, dai 18 ai 21 anni, per lesioni aggravate contro due loro coetanei. I Carabinieri chiudono il ristorante di uno stabilimento balneare di Cecina

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Il Comando Provinciale dei Carabinieri di Livorno, in linea con le direttive strategiche della Prefettura, è da sempre attento alla tutela della salute pubblica, obiettivo che persegue anche con il coinvolgimento dei reparti speciali dell’Arma. Nell’ambito della campagna di controllo degli stabilimenti balneari denominata “Estate tranquilla”, i Carabinieri del Nucleo Antisofisticazione e Sanità di Livorno hanno effettuato un controllo presso un’attività di ristorazione annessa ad un noto stabilimento balneare del lungomare di Marina di Cecina, per verificare il rispetto della normativa vigente e prevenire potenziali rischi. I militari hanno accertato che i locali adibiti a cucina e deposito alimenti erano tenuti in pessime condizioni igienico-sanitarie, per la presenza diffusa di insetti e blatte morte sulla pavimentazione e sulle esche di cattura poste in vari punti dei locali. Per questi motivi, al titolare, un 47enne, è stata elevata una sanzione di 2.000 euro, provvedimento a cui si è aggiunta l’immediata chiusura e l’inibizione dell’attività da parte dell’ASL locale che si protrarrà finché le carenze rilevate non saranno sanate. I controlli proseguiranno su tutto il territorio provinciale da parte dei Carabinieri dell’Arma territoriale e del N.A.S.

Livorno: denunciati tre giovani, dai 18 ai 21 anni, per lesioni aggravate contro due loro coetanei. I Carabinieri chiudono il ristorante di uno stabilimento balneare di Cecina

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×