Lecce, violenze e minacce contro dirigenti e calciatori della SSD Casarano: 3 persone agli arresti domiciliari

Lecce, nella mattinata odierna personale della DIGOS della Questura di Lecce, coadiuvato da personale di polizia del Commissariato di Taurisano e da equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine, ha eseguito n. 3 provvedimenti di misura cautelare degli arresti domiciliari con applicazione del “braccialetto” elettronico emessi con Ordinanza n. 4599/21 dal Gip del Tribunale di Lecce, a carico dei seguenti ultras del Casarano calcio:

  • CIURLIA Gianpiero, di anni 43,
  • DE PAOLA Marco, di anni 35,
  • ISERNIA Antonio Ippazio, di anni 44.

Inoltre, nell’ambito della stessa operazione sono state altresì eseguite n. 7 perquisizioni delegate dal P.M. titolare dell’indagine a carico, oltre che dei 3 citati, anche di altri 4 ultras casaranesi: L. A. di anni 38, L.F. di anni 53, S.M di anni 44 e S.G. di anni 56.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

L’indagine in questione, condotta dalla squadra tifoserie della Digos di Lecce, è stata avviata all’indomani di un episodio di violenza avvenuto il 27 aprile u.s. a Casarano, presso il locale stadio comunale, allorquando un gruppo composto da circa una ventina di ultras, contrariati dai risultati negativi della propria squadra, con violenza e minaccia, costringeva i dirigenti e i calciatori della SSD Casarano calcio lì presenti ad annullare e rinviare la seduta di allenamento prevista per quel pomeriggio.
In particolare gli stessi, all’arrivo di alcuni dirigenti sportivi nonché di alcuni calciatori, li accerchiavano e intimavano loro di allontanarsi dalla struttura sportiva in modo aggressivo e minaccioso. Inoltre, episodio ancora più grave, un gruppetto più ristretto di ultras faceva irruzione negli spogliatori e costringeva i presenti, mentre si accingevano a prepararsi per la seduta di allenamenti, ad andare via.
L’ immediata attività di indagine portava al deferimento alla locale Procura della Repubblica di 9 supporter, tutti già noti in quanto evidenziatisi in altre situazioni di turbativa e intemperanza in occasione di manifestazioni sportive.
Contestualmente, nei confronti dei responsabili, sono stati notificati 9 provvedimenti di DASPO, predisposti dalla Divisione Anticrimine della Questura di Lecce, che vanno dai 2 anni ai 10 anni (massimo previsto) e con la previsione dell’obbligo di firma.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...