fbpx
CAMBIA LINGUA

Lecce: arrestato 31enne per atti persecutori nei confronti della ex-moglie

Dagli accertamenti emergeva che l'uomo annoverava precedenti per atti persecutori, maltrattamenti in famiglia e minacce nei confronti della ex-moglie.

Lecce: arrestato 31enne per atti persecutori nei confronti della ex-moglie.

Lecce. Nel tardo pomeriggio di ieri 5 novembre, gli agenti della Questura di Lecce in servizio di controllo del territorio arrestavano un trentunenne originario della provincia di Brindisi e residente a Lecce per atti persecutori nei confronti della ex-moglie e denunciato per porto abusivo di coltello e violenza privata.

Intorno alle 19:30 giungeva alla Centrale Operativa una segnalazione di una signora che riferiva di una violenta lite da poco avvenuta nel parcheggio vicino casa con il suo ex-marito. Gli agenti giunti immediatamente sul posto incontravano l’uomo che si dirigeva verso la propria auto e al controllo degli agenti reagiva in modo scontroso è insofferente raccontando di aver riaccompagnato i suoi 2 figli dalla ex moglie. Dagli accertamenti emergeva che l’uomo annoverava precedenti per atti persecutori, maltrattamenti in famiglia e minacce nei confronti della ex-moglie.

La donna intanto riferiva agli agenti che, poco prima, tornando a casa in auto con i suoi due figli, rispettivamente di 6 e 8 anni, si era imbattuta nell’uomo che le aveva sbarrato la strada con la propria macchina, conoscendone il temperamento ed essendone spaventata, aveva chiamato al cellulare l’attuale compagno, ma il suo ex gliel’aveva strappato dalle mani iniziando ad insultare l’uomo all’altro capo del telefono. Nel tentativo di riappropriarsi del proprio cellulare, la donna veniva strattonata dal braccio e infine l’uomo le scagliava il telefono con forza colpendola al petto. La signora riusciva a scappare con i propri figli mettendosi al sicuro dentro casa e chiedendo subito l’intervento della Polizia di Stato.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

L’uomo, dopo essere stato sottoposto a perquisizione sia personale che dell’auto, dove, nel vano porta oggetti del cruscotto lato passeggero, veniva rinvenuto un coltello a serramanico, veniva accompagnato negli uffici della Questura per il prosieguo degli accertamenti di rito. Dell’accaduto veniva informato il P.M. di turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lecce, che ne disponeva l’arresto da trascorrere ai domiciliari, inoltre veniva denunciato per porto abusivo di coltello e violenza privata.
La giovane donna sporgeva denuncia – querela in Questura nei confronti dell’ex marito e poi a causa di forti dolori al petto causati dal cellulare lanciatole dall’uomo, veniva accompagnata dal 118 in ospedale per gli accertamenti sanitari del caso.

persecuzione

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×