Lanusei, traffico illecito di reperti archeologici frutto di scavi clandestini: deferite 34 persone

Lanusei, al termine di una congiunta, articolata e complessa attività d’indagine coordinata dal Procuratore Capo dott. Biagio MAZZEO reggente la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lanusei e condotta dai militari della Sezione Operativa della Compagnia Carabinieri di Lanusei, del Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Cagliari, dal personale del Commissariato di P.S. di Lanusei e del N.I.P.A.F. dell’Ispettorato Forestale di Lanusei, sono state deferite in stato di libertà 34 persone che, a vario titolo, si sono resi responsabili dei seguenti reati:

  • Associazione per Delinquere ex Art. 416 c.p.:
  • Uscita o esportazioni illecite art. 174 D. Lgs. N. 42/2004;
  •  Ricerca Archeologica senza Concessione, tramite Scavi Clandestini, Impossessamento Illecito di Beni Culturali Appartenenti allo Stato: Artt. 175 e 176 D. Lgs. N. 42/2004;
  • Contraffazione di opere d’arte: Art. 178 D. Lgs. N. 42/2004;
  •  Ricettazione: Art. 648 C.P.;
  •  Furto aggravato artt. 624-625;
  •  Estorsione;
  • Coltivazione, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti (art. 73 D.P.R. 309/90); –
  • Minacce Aggravate e Danneggiamento a seguito di Incendio, art.612-635 C.P.; –
  • Uso/sottrazione di cose sottoposte a sequestro art. 334 C.P.;
  • Favoreggiamento personale art.378 C.P.;
  • Inosservanza delle prescrizioni cautelari imposti dall’A.G. art 276 C.P.P.

L’indagine prendeva l’avvio nel mese di Agosto 2016 a seguito di un intervento effettuato dalle FF.OO su di un nuraghe sito nella località “Orzili” dell’argo del comune di Arzana e pertanto veniva predisposto dalla Procura della Repubblica di Lanusei, un team di operatori interforze con lo scopo di contrastare l’emergente e radicato fenomeno di ricerca e commercio illecito di reperti archeologici, provenienti da scavi clandestini ed effettuati in diversi siti nuragici ubicati in tutto il territorio sardo. Nel prosieguo delle investigazioni inoltre, emergevano chiari elementi che hanno concretizzato l’esistenza di diverse associazioni a delinquere sparse nell’isola, tutte collegate tra di loro, finalizzate all’esecuzione di numerosi reati fine.
L’indagine, oltre a svelare l’organigramma delle organizzazioni, ha permesso di individuare e ricostruire anche le sue ramificazioni. Già dal contenuto delle prime conversazioni intercettate emergeva inequivocabile la distinzione di diversi gruppi, autonomi in relazione all’operatività ed alle modalità di ricerca e scavo, ma con la stessa comunione di intenti e di interscambiabilità degli oggetti per la loro successiva immissione nel mercato.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Il Gruppo di Arzana costituito da: MARONGIU Vincenzo Beniamino, ROMAGNOLI Sabina, PILI Carlo, MONNI Pietro, PUDDU Augusto, PIRAS Nicolò, LAISCEDDU Federico Luigi, MELIS Tomaso, CABRAS Roberto, COCCO Raffaele, GIOI Sebastiano; ARBAU Efisio, CAU Michele. Il Gruppo della Baronia, costituito da: DELEDDA Antonio Francesco, DELEDDA Pasqualino, PUDDU Mariano, PINNA Diego, DE AMICIS Mauro Maria, DESSOLIS Massimo Gianfranco, MARCEDDU Gianpiero,
SANNA Matteo, SECCHI Gian Michele, .

Il Gruppo di Cagliari costituito da: MELONI Gianluca, MASCIA Gabriele, CICCOLELLA Felice, SARAIS Mario, CARA Enrico, CASULA Antioco.
I componenti dei consessi risultano essere legati da un vincolo associativo molto solido che li ha portati a commettere più delitti, mantenendo continui e reciproci contatti finalizzati all’attività di ricerca, all’ aggiornamento sull’andamento degli scavi in corso, allo scambio di informazioni circa il valore ed i diversi canali di vendita dei
reperti archeologici già in loro possesso (spesso costituiti da manufatti abilmente falsificati).
L’indagine, oltre ai reati già perseguiti, ha permesso di far affiorare condotte illecite che inserivano parte degli indagati in un contesto criminale ben più ampio e grave ossia quello di un vasto traffico di armi clandestine e munizioni nonché furti e rapine. Da lì la scelta investigativa, d’intesa con il Procuratore Mazzeo, di dare priorità assoluta a questa emergente fattispecie di reato che, confluita nell’attività d’indagine denominata Diablo e Diablo 2° tempo, ha permesso nei mesi di gennaio e dicembre del 2018 di trarre in arresto i capi e i gregari di questa pericolosissima associazione per delinquere arzanese.

Le migliaia di intercettazioni captate ed analizzate dagli uomini del Commissariato di P.S. di Lanusei, del NIPAF-Ispettorato forestale, della Compagnia CC di Lanusei e del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Cagliari hanno evidenziato come gli indagati eseguivano le ricerche archeologiche clandestine per poi “canalizzare” i reperti rinvenuti verso il mercato estero ed in
particolare verso quello francese; qui venivano ricettati e molto probabilmente riciclati grazie a un emigrato sardo/ogliastrino dimorante in Francia. Nel corso dell’indagine sono state eseguite numerosissime perquisizioni tra le quali vengono citate
le principali dell’08 ottobre 2016 a carico di MARONGIU Vincenzo Beniamino, del 19 dicembre
2016 a carico di CABRAS Roberto e COCCO Raffaele, del 17 gennaio 2017 a carico di QUARTU Giorgio e di CINUS Irmo, del 20 gennaio 2017 a carico di MASCIA Gabriele e MELONI Gianluca, del 25 gennaio 2017 a carico di CICCOLELLA Felice, di SARAIS Mario, di SOLLAI Davide di CAU Michele, di DELEDDA Antonio Francesco e di DELEDDA Pasqualino; del 17 marzo 2017 a carico di ATZORI Sebastiano, PINNA Diego, DE AMICIS Mauro Maria, PUDDU Mariano, MARCEDDU Gianpiero e GIOI Sebastiano; del 20 marzo 2017 a carico di CARA Enrico; del 21 marzo 2017 a carico di DESSOLIS Massimo Gianfranco e SANNA Matteo; nonché quelle poste in essere a Tunisi (Tunisia) il 29 dicembre 2016 (a carico di CABRAS Roberto e COCCO Raffaele) e a Metz (Francia) il 01 dicembre 2017 (a carico di PILI Carlo), che hanno permesso il recupero di diversi reperti archeologici che, sottoposti ad esame tecnico –scientifico dai funzionari delle Soprintendenze di Cagliari e Sassari, sono stati valutati di notevole interesse storico-scientifico. Tra questi figura anche il sequestro di un intero “sito archeologico” presente all’interno di una proprietà in uso ad un indagato in territorio di Isili (NU) che è stato senza ombra di dubbio un importantissimo obiettivo finalizzato al contrasto del reato perseguito. L’aver messo in luce quel “museo a cielo aperto” – così come definito dagli stessi indagati nel corso di diverse intercettazioni – è da ritenersi un importante contributo non solo al contrasto del fenomeno, ma anche e soprattutto alla tutela del patrimonio archeologico sardo. Ciò è emerso anche grazie alle relazioni tecniche redatte da funzionari archeologi della Soprintendenza di Cagliari che da tempo riconosce l’importanza della zona. L’intervento assai invasivo compiuto dai componenti dell’associazione per delinquere perseguita, altro non ha fatto che danneggiare irrimediabilmente la stratigrafia del sito, causando la perdita definitiva di dati importanti per la ricostruzione storica delle strutture.

Le intercettazioni hanno anche permesso di mettere in evidenza la cattiveria e la pericolosità sociale di alcuni dei personaggi, in particolar modo di quelli arzanesi, autori anche di un danneggiamento a mezzo fuoco avvenuto nella notte tra il 31 marzo ed il 01 aprile 2017 ad una struttura sita in loc. Cea – agro del comune di Bari Sardo. Lo screening investigativo effettuato sull’episodio ha permesso di dimostrare come MARONGIU Vincenzo Beniamino, rivolgendosi a un complice Ogliastrino – facente parte dei 34 soggetti deferiti – abbia organizzato la spedizione punitiva a Cea.
E’ bene ricordare che in Sardegna gli insediamenti archeologici sono così numerosi che, sovente, le segnalazioni relative agli scavi clandestini pervengono alle Autorità preposte alla tutela anche a distanza di anni rispetto alla data della loro effettiva esecuzione. Proprio questo è il problema più rilevante nella protezione del patrimonio culturale in Sardegna che risente sicuramente della scarsa presenza antropica nel territorio, perlopiù concentrata nei maggiori centri urbani (la superfice del territorio si aggira intorno ai 24.000 Km2 circa e la popolazione è di circa 1.680.000 per una densità abitativa pari a 69 abitanti/Km2, tra le più basse d’Italia).
La Sardegna possiede un immenso patrimonio archeologico, non esattamente quantificabile, ma sicuramente nell’ordine di migliaia di siti difficilmente controllabili, fra i quali, certamente, alcuni noti solo ai c.d. “tombaroli”. L’odierna crisi economica, peraltro, spinge la delinquenza del settore ad accentuare il fenomeno criminale in considerazione del minor rischio derivante da tali azioni rispetto a quelle legate a diverse tipologie delittuose quali le rapine, le estorsioni, i furti, ecc.
A riprova di ciò possiamo ben vedere come l’analisi delle segnalazioni per scavi clandestini ricavate dalla Banca Dati dei Beni Culturali illecitamente sottratti gestita dal Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale ai sensi dell’art. 85 D.L.vo 42/2004 riferite agli anni 2010-2018 riportata nel grafico sottostante sia numericamente poco apprezzabile; questo perché, nella maggioranza dei casi, gli scavi illeciti vengono perpetrati in aree isolate del territorio fuori da ogni controllo antropico.

Questi sono alcuni degli aspetti emersi nel corso dell’attività di indagine che ha visto operare congiuntamente il personale della Polizia di Stato, dell’ Arma dei Carabinieri e del Corpo Forestale, al fine di contrastare l’attività illecita messa in atto da quello che può essere ritenuto un vero e proprio sodalizio criminale, localizzato in particolare Ogliastra e nella provincia di Cagliari, ma con ramificazioni e contatti in tutta l’ Isola e con ambizioni di espansione verso territori nazionali ed esteri.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...