Insulti social a Mario Draghi: in corso perquisizioni personali in 4 località italiane

Dalle prime ore della mattina, personale della Digos della Questura di Roma e dei Compartimenti di Polizia Postale territorialmente competenti, stanno effettuando 4 perquisizioni personali, locali ed informatiche, delegate dalla Procura della Repubblica di Roma a carico di altrettanti soggetti residenti in varie località del territorio nazionale che hanno avuto un ruolo significativo nella campagna d’odio, veicolata sul web anche attraverso insulti e minacce, nei confronti del Presidente del Consiglio, Mario DRAGHI, soprattutto a seguito delle misure adottate per il contenimento della pandemia.

L’attività di approfondimento investigativo, coordinata dalla Procura della Repubblica di Roma, e condotta dalla Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione, dal Servizio della Polizia Postale e delle Comunicazioni e dalla DIGOS di Roma, ha consentito di acquisire rilevanti indizi nei confronti degli odierni indagati.

I contenuti dei profili analizzati hanno in prevalenza carattere negazionista e NO VAX e prendono di mira anche il Presidente della Repubblica, Sergio MATTARELLA, ed il Ministro della Salute, Roberto SPERANZA in relazione alle misure introdotte per contrastare il diffondersi del COVID-19.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

È inoltre emersa l’esistenza di “falsi profili” intestati al “PRESIDENTE DRAGHI” e pagine che fanno esplicito riferimento al Presidente del Consiglio ed al suo operato istituzionale, attraverso il ricorso ad espressioni offensive e minatorie.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...