Il resoconto di aprile dell’azione della Polizia Ferroviaria nelle stazioni italiane

Questi i risultati del mese di aprile dell’attività della Polizia di Stato nelle stazioni ferroviarie e sui treni

71 arrestati, 746 indagati e 350.098 persone controllate: è questo il bilancio dei controlli nel mese di aprile della Polizia Ferroviaria. 17.777 le pattuglie impegnate nelle stazioni e 2.846 a bordo treno, 1.026 i servizi antiborseggio, 203 gli stranieri rintracciati in posizione irregolare e 97 i minori non accompagnati rintracciati dal personale della Specialità e restituiti alle famiglie o collocati in comunità.

Controlli intensificati anche grazie alle operazioni straordinarie organizzate durante tutto il mese: la terza giornata di “Stazioni Sicure”, effettuata il 1° aprile, mirata al controllo di bagagli e passeggeri, che ha visto impegnati in tutte le principali stazioni italiane, 1.395 operatori della Specialità Polizia Ferroviaria, con 15.798 persone controllate e 2.370 bagagli ispezionati. Il 12 aprile si è svolta l’operazione “Oro Rosso”, giornata dedicata al contrasto dei furti di rame in ambito ferroviario. L’attività ha visto l’impiego di 652 operatori e si è tradotta in circa 1.838 persone controllate, 5 persone indagate, 277 controlli ai rottamai, oltre 800 kg di rame recuperato di provenienza illecita. L’operazione “Rail Safe Day” del 21 aprile, finalizzata a contrastare impropri comportamenti in ambito ferroviario. 1.574 gli operatori impiegati, 685 le località “sensibili” presenziate e 37 le sanzioni elevate. Il 28 aprile 2021 si è svolta la quarta giornata dell’operazione “Stazioni Sicure” con 1.413 operatori Polfer impiegati, 491 gli scali interessati, 3 le persone arrestate, 39 le persone indagate e 14.398 le persone controllate.

Gli agenti della Polizia Ferroviaria di Milano hanno arrestato un cittadino cinese di 53 anni, pluripregiudicato e non in regola sul territorio nazionale, per detenzione di armi e per possesso di sostanze stupefacenti. I poliziotti, durante un servizio a bordo di un treno diretto nella Capitale, pochi minuti dopo la partenza dalla stazione di Milano Porta Garibaldi, hanno identificato all’interno di una carrozza l’uomo il quale, controllato per il suo evidente nervosismo, è risultato in possesso di una pistola di piccole dimensioni, una scatola con 100 cartucce caricate a salve, 3 involucri contenenti circa 3 grammi di Shaboo e un ulteriore involucro con eroina.

 

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Gli agenti della Polizia Ferroviaria hanno arrestato, nella stazione di Trento, un cittadino marocchino di 45 anni ricercato per ricettazione e violazione di domicilio dalla locale Autorità Giudiziaria. L’uomo si è presentato in stazione per partire trovando all’ingresso gli agenti Polfer, impegnati nei controlli sistematici ai viaggiatori. Da un controllo nella banca dati è emerso che lo straniero, oltre ad essere pregiudicato, era ricercato dallo scorso dicembre dovendo scontare 1 anno e 2 mesi di carcere oltre al pagamento di una multa di 200 euro.

 

 

Gli agenti del Settore Operativo di Bologna C.le, in collaborazione con la Squadra di Polizia Giudiziaria compartimentale, hanno arrestato un 36enne piemontese, sorpreso a rubare superalcolici all’interno del supermercato della stazione felsinea. Le indagini hanno consentito di scoprire che l’uomo, non nuovo a episodi del genere, era solito rivendere la merce rubata a un negozio del centro, gestito da un 62enne, cittadino del Bangladesh, che è stato denunciato per ricettazione. All’interno del locale sono state rinvenute numerose bottiglie di superalcolici, rubate nei mesi scorsi nel predetto supermercato.

Un venticinquenne pakistano, è stato rintracciato e arrestato dalla pattuglia del Settore Operativo di Roma Termini. Aveva un mandato di arresto europeo, per i reati di tratta di esseri umani e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Nel corso dei servizi di controllo presso i varchi di accesso ai binari della stazione ferroviaria, gli operatori hanno notato l’uomo che temporeggiava nell’avvicinarsi al varco, nel tentativo di eludere il controllo. Sottoposto ad accertamenti è risultato destinatario del provvedimento di cattura emesso dalle autorità slovene.

Nella provincia di Napoli, nel corso dei controlli all’interno di un deposito in zona Grumo Nevano, sono stati ritrovati 780 Kg di cavi di rame appartenenti a F.S. Italiane. Il rame è stato sottoposto a sequestro in attesa delle determinazioni dell’Autorità Giudiziaria. In un altro deposito, a Sant’Anastasia, sono state ritrovate 1.020 kg di batterie esauste. Il materiale è stato sequestrato e l’amministratore è stato denunciato per gestione illecita di rifiuti e ricettazione.

Gli agenti della Polizia Ferroviaria di Palermo, hanno denunciato un 32enne nigeriano per traffico illecito di sostanze stupefacenti. Durante il controllo dei viaggiatori alla stazione di Palermo Centrale, gli agenti hanno proceduto all’identificazione dello straniero, il quale ha riferito di dover tornare presso il luogo di residenza senza dare un giustificato motivo sulla sua permanenza a Palermo. Gli operatori, insospettiti, hanno proceduto al controllo in banca dati riscontrando che lo straniero aveva numerosi precedenti per reati in materia di stupefacenti. A seguito di perquisizione, il nigeriano è stato trovato in possesso di 15.000 euro in contanti, suddivisi in banconote di piccolo taglio, che deteneva ben occultate all’interno della fodera del trolley, nonché di un coltellino a punta con lama a scomparsa in una finta chiave di piccole dimensioni.

 

Tra le notizie a lieto fine la vicenda dei cuccioli di meticcio, di pochi mesi che sono stati trovati e messi in salvo dagli agenti della Polfer di Marsala nei pressi del passaggio a livello San Leonardo, lungo la linea ferroviaria Marsala – Trapani. Gli operatori della Polizia Ferroviaria hanno perlustrato quella tratta ferroviaria a seguito di una segnalazione giunta dalla locale Polizia Municipale riguardante dei cani abbandonati nei pressi della sede ferrata. I poliziotti hanno trovato i cuccioli, impauriti ed infreddoliti, nella vegetazione che costeggia i binari e, dopo averli portati in ufficio, li hanno affidati agli addetti del locale canile municipale, nella speranza che possano trovare una nuova famiglia


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...