Gorizia, il Comune commemora il 49° anniversario dell’attentato dinamitardo di Peteano di Sagrado

Gorizia, nella mattinata odierna, si è tenuta la commemorazione del 49° anniversario dell’attentato dinamitardo di Peteano, località del Comune di Sagrado (GO) dove, il 31 maggio 1972, hanno perso la vita il Brigadiere Antonio FERRARO e i Carabinieri Donato POVEROMO e Franco DONGIOVANNI.

Alla celebrazione della ricorrenza, che a causa del perdurare dell’emergenza sanitaria si è tenuta in assenza di pubblico e con l’adozione di tutte le misure volte a prevenire i contagi da COVID-19, hanno preso parte, accolti dal Comandante della Legione Carabinieri Friuli Venezia Giulia, Generale di Brigata Antonio FRASSINETTO, e dal Comandante Provinciale dei Carabinieri di Gorizia, Colonnello Luciano Giuseppe TORCHIA, il Prefetto di Gorizia, Dottor Raffaele RICCIARDI, l’Ispettore Regionale dell’Associazione Nazionale Carabinieri, Generale di C.A. Michele Cristoforo LADISLAO, il Sindaco di Gradisca d’Isonzo, Dott.ssa Linda TOMASINSIG, il Sindaco di Sagrado, Signor Marco VITTORI, ed il Sindaco di Savogna d’Isonzo, Signor Luca PISK, i quali hanno voluto manifestare la propria vicinanza ai parenti dei militari caduti intervenuti alla commemorazione.
Dopo la rievocazione del tragico episodio e la lettura della motivazione della concessione della Medaglia d’Argento al Valor Civile alla memoria, sono stati resi gli onori ai Caduti con la deposizione di quattro corone d’alloro presso il monumento dedicato ai militari dell’Arma vittime dell’attentato, da parte del Comandante della Legione Carabinieri Friuli Venezia Giulia e dei Sindaci dei Comuni di Sagrado, Savogna e Gradisca d’Isonzo.
La cerimonia si è conclusa con la lettura della “Preghiera del Carabiniere” e la benedizione da parte del Cappellano Militare della Legione Carabinieri Friuli Venezia Giulia, Don Albino D’ORLANDO.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...