Gesturi, venditore porta a porta di contratti energetici truffa una donna che lo segnala ai Carabinieri

Gesturi, che deve fare chi scopre di essere titolare di un’utenza per la somministrazione di energia elettrica e di doverla pagare senza averla mai attivata? È normale: si rivolge ai carabinieri. È successo a Gesturi dove i Carabinieri della locale Stazione hanno scoperto una truffa dai risvolti particolari tanto che hanno contestato all’indagato anche la sostituzione di persona e il falso materiale, indirizzando alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari un’accurata informativa di reato. In sostanza un incaricato porta a porta per la vendita di contratti per la somministrazione di energia elettrica, avendo avuto accesso all’abitazione di una signora quarantanovenne di Gesturi alla quale aveva illustrato e proposto delle soluzioni per la fornitura di corrente elettrica, approfittando di un attimo di distrazione della possibile cliente, aveva fotografato una bolletta Enel di lei e, acquisiti i dati, ne aveva falsificato le firme, attivando un’obbligazione commerciale della donna con la sua società all’insaputa della vittima, al solo fine di guadagnare una provvigione su quel contratto. Alla fine si è trattato di un vantaggio minimo per l’autore del raggiro che però configura nell’insieme una pluralità di reati. La vittima infatti non si è limitata a chiamare la società elettrica per disdire il contratto e per recriminare su quella inopinata attivazione come tanti avrebbero fatto, ma si è rivolta ai Carabinieri che, ricostruita la vicenda sulla base anche del racconto di lei, hanno poi proceduto nei confronti di quel venditore troppo intraprendente e spregiudicato.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...