Genova, aggrediscono e rapinano tifoso romanista: arrestati due genoani

Genova, la Polizia di Stato ha arrestato, lunedì 22 novembre, due genovesi di 29 e 49 anni per il reato di rapina in concorso.
Ad eseguire l’arresto sono stati gli uomini della locale DIGOS che, dopo aver visionato le telecamere di video sorveglianza di un bar di Piazza Rossetti, hanno riconosciuto nei due tifosi genoani i responsabili della rapina patita lo scorso 21 novembre, in occasione della partita Genoa-Roma, da un tifoso della Roma di 28 anni.
In particolare, il 28enne intorno alle ore 16.30, uscito da Piazzale Kennedy, per l’occasione adibito a parcheggio dei tifosi giallorossi, è stato aggredito in Piazza Rossetti dai due tifosi rossoblù, di cui il primo, dopo averlo strattonato, gli ha rubato lo zaino, il secondo, nel mentre, lo ha colpito a suon di calci e pugni.
Successivamente il giovane ha fornito una descrizione dei due rapinatori consentendo così ad una pattuglia della DIGOS, intervenuta rapidamente, di riconoscerli in mezzo a numerosi tifosi rossoblù presenti nei pressi del bar dove era avvenuta la rapina.
A quel punto provare ad avvicinare ed identificare i presunti autori del reato è apparso agli agenti impossibile sia per la quantità di tifosi genoani presenti, in atteggiamento ostile, sia perché altri tifosi romanisti stavano via via sopraggiungendo, per il successivo trasferimento collettivo allo stadio Ferraris, con la conseguente necessità di non distogliere l’attenzione dalle due tifoserie rivali.
I poliziotti della DIGOS, notata la presenza delle telecamere nei pressi del bar, hanno visionato accuratamente i filmati ed il giorno dopo, con la possibilità di effettuare l’arresto in flagranza anche a distanza di ore laddove il reato è commesso in occasione di manifestazioni sportive, hanno riconosciuto senza ombra di dubbio nei due tifosi genoani gli autori della rapina.
Nei confronti del 29enne ed del 49enne, subito messi a disposizione dell’AG, è stata disposta la misura cautelare dell’obbligo di dimora a Genova con obbligo di permanenza domiciliare il sabato e la domenica e comunque tutti i giorni infrasettimanali in cui sono previsti incontri calcistici da disputarsi a Genova. Inoltre, nei confronti dei due, già sottoposti a DASPO, sarà attivato anche il procedimento per l’aggravamento della misura di prevenzione.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...