Gallarate, fermata la banda delle sale slot: 3 arrestati

Le rapine sono avvenute nelle province di Milano e Varese

Gallarate (Varese), fermata la banda delle sale slot: 3 arrestati.

Nelle prime ore di questa mattina, militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Gallarate hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Busto Arsizio (VA). Sono stati arrestati di tre italiani pregiudicati di 61, 55 e 44 anni, residenti a Milano. I tre sono accusati di aver commesso:

  • 04.05.2019: rapina aggravata alla sala slot “Sisal” di Gallarate (circa 8.000 euro di proventi);
  • 19.05.2019: rapina aggravata alla sala slot “Punto Snai” di Legnano (circa 16.500 euro di proventi);
  • 02.06.2019: rapina aggravata alla sala slot “Las Vegas” di Olgiate Olona (circa 37.000 euro di proventi);
  • 12.10.2019: rapina aggravata alla sala slot “Punto Snai” di Legnano (circa 2.000 euro di proventi).

Le indagini, partite a seguito della rapina compiuta alla sala slot di via XXV Aprile di Gallarate e coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Busto Arsizio, hanno permesso di raccogliere numerose fonti di prova a carico dei tre uomini oggi arrestati. Ai tre sono state attribuite altre successive rapine, eseguite con metodi similari, nei vicini Comuni di Legnano (MI) ed Olgiate Olona (VA).

Il modus operandi della banda

I tre indagati avevano infatti adottato lo stesso modus operandi per tutti i colpi messi a segno: dopo aver rubato degli scooter in zone della periferia milanese, li utilizzavano per avvicinarsi, in orario serale prossimo alla chiusura, alle sale slot individuate. Repentinamente entravano travisati ed armati di pistola e teaser e, dopo aver minacciato i commessi, si facevano consegnare gli incassi della giornata. Nel complesso sono stati rubati oltre 60.000 euro in poco più di 5 mesi.

In aggiunta al reato di rapina aggravata, il Tribunale di Busto Arsizio ha contestato agli indagati anche quelli di furto aggravato, ricettazione e porto in luogo pubblico di armi da fuoco (pistola e teaser). Al termine delle operazioni di arresto e perquisizione, i tre presunti responsabili sono stati portati nel carcere di Milano, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...