Foggia, lite alla ex pista di Borgo Mezzanone: la vittima, aggredita con una forbice, è in rianimazione

Foggia, nella serata di ieri personale della Squadra Mobile, dell’U.P.G.S.P. e del R.P.C. “Puglia Settentrionale”, ha eseguito d’iniziativa un fermo d’indiziato del delitto di lesioni gravi a carico di un cittadino ghanese, regolare, dimorante nell’ “ex pista” di Borgo Mezzanone.

In particolare, intorno alle ore 10:30 presso “l’ex pista” Borgo Mezzanone (FG) si è verificata una lite tra due cittadini ghanesi, entrambi regolari, per motivi che sono tuttora in corso di accertamento.

Durante la lite, uno dei due, utilizzando delle forbici, che sono state ritrovate nel corso del sopralluogo effettuato dagli agenti della Squadra Mobile intervenuti, ha colpito l’altro ferendolo alla spalla e al bicipite sinistri. La seconda ferita, secondo quanto appreso dai medici che hanno preso in cura il ferito, ha rischiato di recidere l’arteria omerale. Per tale motivo, la vittima è stata prima operata e, poi, ricoverata in rianimazione presso l’Ospedale “Riuniti” di Foggia con prognosi riservata.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Il presunto autore è stato condotto da alcuni dimoranti dell’”ex pista” presso l’adiacente CARA ove è stato affidato agli operatori intervenuti che lo hanno condotto in Questura per svolgere i dovuti approfondimenti investigativi al termine dei quali, il cittadino ghanese, stanti i gravi indizi di colpevolezza emersi a suo carico, è stato sottoposto a fermo di indiziato del delitto di lesioni gravi. Lo stesso, durante la permanenza presso gli uffici della Questura, ha lamentato un malore ed è stato pertanto ricoverato presso il “Riuniti”, ove al momento è piantonato in attesa di essere condotto, giusta indicazione dell’A.G., presso la Casa Circondariale di Foggia. Nelle prossime ore l’Autorità Giudiziaria dovrà esprimersi in merito alla convalida del provvedimento assunto d’urgenza dalla Polizia Giudiziaria.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...