Emergenza spaccio a Rogoredo-Santa Giulia: parte il pattugliamento notturno

Un quartiere sotto assedio, teatro di spaccio ad ogni ora del giorno e della notte: per garantire la sicurezza dei cittadini, residenti o di passaggio nella stazione FS, il Comune ha deciso di avviare, a partire dal 19 ottobre, un servizio di pattugliamento costante e continuo, per tutta la notte, nell’area di Rogoredo-Santa Giulia, che si affiancherà al servizio diurno già assicurato dalla Polizia locale presso i giardini di via Rogoredo.
“L’impegno per fermare lo spaccio in tutta l’area sarà incessante”, ha affermato l’assessore alla Sicurezza Carmela Rozza. Di certo non sarà facile: si tratta di una superficie enorme, che comprende un’area ferroviaria impossibile da chiudere, totalmente permeabile e di difficile controllo. E’ questo l’esito del sopralluogo che l’assessore ha compiuto oggi, insieme alla Polizia locale, ai Carabinieri e al sindaco di San Donato, nella zona di Rogoredo e Santa Giulia.
La situazione non si risolverà in poco tempo, insomma, ma il Comune di Milano ha attivato le prime misure per fronteggiare in maniera sistematica e organica un’emergenza che rischia di mettere in pericolo chi in quelle strade ci vive, o ci lavora. Verranno compiuti accertamenti sui numerosi palazzi abbandonati nel quartiere, mentre Ferrovie dello Stato e Autostrade per l’Italia hanno già portato a termine buona parte dei disboscamenti e della pulizia delle aree di loro proprietà, come deciso in sede di Comitato per l’Ordine e la Sicurezza. Resta ancora da accertare la proprietà di una zona boschiva, non lontano dalla stazione, in cui prospera il traffico di droga.
Bonifica delle zone d’ombra e un presidio capillare del territorio con il pattugliamento notturno: queste le prime mosse del Comune di Milano
Articolo di Lorenzo Giantin

LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...