fbpx
CAMBIA LINGUA

Da Roma Capitale nessun ricovero per i senzatetto con i cani Oipa: “Aprite le strutture d’accoglienza anche ai quattro zampe”

Chiamando la Sala operativa sociale capitolina la risposta alla domanda «Dove può ripararsi di notte un senza fissa dimora con cane?» è: «Non abbiamo disponibilità».

Da Roma Capitale nessun ricovero per i senzatetto con i cani Oipa: “Aprite le strutture d’accoglienza anche ai quattro zampe”.

Roma. Nessun posto disponibile per i senzatetto con cani da Roma Capitale. E della tensostruttura che l’anno scorso fu allestita dal Campidoglio alla Città dell’altra Economia a Testaccio, in grado di accogliere fino a 70 persone, non vi è ancora traccia, nonostante le gelide temperature che la Capitale raggiunge nottetempo. Lo comunica l’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa), che da anni invita le Amministrazioni e gli enti ad allestire strutture stabili in grado di accogliere i clochard con i loro fedeli compagni a quattro zampe.

Chiamando la Sala operativa sociale capitolina al numero 800440022 la risposta alla domanda «Dove può ripararsi di notte un senza fissa dimora con cane?» è: «Non abbiamo disponibilità». Chiedendo quando sarà allestita la tensostruttura dedicata, come quella dello scorso anno, la risposta è: «Non lo sappiamo, non abbiamo avuto sinora indicazioni».

L’Oipa invita il sindaco Roberto Gualtieri e l’assessore alle Politiche sociali e alla Salute, Barbara Funari, a mettere a disposizione quanto prima posti letto per i senza fissa dimora e per i loro compagni di vita a quattro zampe, ricordando quanto dichiarato lo scorso anno dallo stesso sindaco all’inaugurazione del tendone al Campo Boario: «Qui sarà possibile venire anche con gli animali perché spesso la volontà di non privarsi della loro compagnia è una delle ragioni che spinge queste persone a non accettare l’ospitalità in queste strutture».

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

«A prescindere di quel che farà Roma Capitale, aprite i centri d’accoglienza anche ai clochard con cani» è l’appello dell’Oipa.

cane

 

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×