Cremona, occultava un tubo di metallo: indagato un 18enne per rissa ed assembramenti e un altro per possesso illegale di un tipo di coltello

Cremona, Nelle ultime settimane si è avuto notizia di diversi episodi di violenza avvenuti in città e che hanno avuto come protagonisti alcuni giovani che, in un contesto di assembramento di decine di coetanei, si azzuffavano colpendosi reciprocamente con calci e pugni.

Le scene, a volte cruente,  venivano riprese con gli “smartphone”  e i video messi in rete diventando virali sui social.

Per contrastare dette pratiche illegali e pericolose questo Ufficio ha attivato nei giorni scorsi dei mirati servizi di prevenzione, con diverse unità operative,  nei luoghi maggiormente frequentati da gruppi giovanili.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Durante dette attività veniva attenzionato in questa via Massari un assembramento di una ventina tra ragazzi e ragazze, uno dei quali, un diciottenne originario dell’Albania residente a Sant’Angelo Lodigiano (LO), con precedenti di polizia, presentava delle ferite al viso.

Lo stesso  veniva trovato in possesso di un tubo in metallo della lunghezza di circa 30 cm che occultava sotto gli indumenti.

Il giovane si dimostrava reticente nel ricostruire i fatti che avevano originato le lesioni a suo danno; veniva accompagnato presso questo Commissariato e indagato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cremona per porto ingiustificato di oggetto atto ad offendere.

Sono inoltre in corso le procedure per l’applicazione da parte della Divisione Anticrimine della Questura del Foglio di Via Obbligatorio con il divieto di far rientro nel territorio di Crema per anni 3.

Nel medesimo contesto veniva controllato un cittadino italiano, in evidente stato di alterazione alcolica che nei pressi della stazione ferroviaria veniva trovato in possesso di un coltello di genere proibito che occultava nella tasca dei pantaloni con il quale, nel vicino piazzale delle Rimembranze, aveva poco prima minacciato un giovane per futili motivi. 

L’aggressore è stato indagato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cremona e segnalato alla Prefettura per Ubriachezza. 

 


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...