Cremona, indagati minorenne con arma da taglio nel marsupio e due ragazzi per aggressione

Cremona, Negli ultimi giorni il Commissariato di Crema ha attivato operazioni di controllo a vasto raggio nei luoghi maggiormente frequentati e ritenuti più sensibili come: stazione ferroviaria, parchi pubblici, parcheggi, adiacenze di complessi alberghieri, locali pubblici, ecc., al fine contrastare fenomeni criminosi diffusi quali gli scippi, i furti in abitazione e i borseggi.
L’attività che ha visto l’impiego di numerose unità operative del Commissariato di P.S., si è conclusa con i seguenti risultati:

-PERSONE IDENTIFICATE: nr. 288
-AUTOMEZZI CONTROLLATI: nr. 76
-POSTI DI CONTROLLO SULLE STRADE PRINCIPALI: nr. 18
-ESERCIZI PUBBLICI CONTROLLATI: nr. 05
-CONTROLLO AI SOGGETTI AGLI ARRESTI DOMICILIARI: 31

Durante detti servizi una volante nell’ambito di controlli all’interno del parco pubblico di Piazzale Rimembranze identificava un minore di anni 17 residente in provincia di Brescia che si trovava con altri coetanei in attesa di recarsi presso un vicino istituto scolastico per la frequentazione dei corsi di recupero. Lo stesso veniva trovato in possesso di un coltello pieghevole con il manico in metallo della lunghezza di cm. 18 che occultava nel marsupio.
L’arma veniva sequestrata ed il minore indagato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale dei minorenni di Brescia ai sensi dell’art.4 Legge 110/1975 (porto ingiustificato di strumenti da punta e taglio atti ad offendere).

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Due soggetti, una donna 20 residente a Bergamo e un uomo di anni 21 residente a Monza, sono stati sopresi da una volante all’interno di un fabbricato dismesso ubicato in questo centro cittadino nel quale si erano introdotti illegalmente facendone la loro precaria e temporanea dimora. I due, con precedenti a carico per reati contro il patrimonio, sono stati indagati ai sensi dell’art. 633 c.p. (Invasioni di terreni o edifici) e sottoposti all’allontanamento dal territorio cremasco con Foglio di Via Obbligatorio.
Quest’ufficio ha indagato in stato di libertà un quarantenne peruviano perché ritenuto responsabile del reato di lesioni aggravate commesse ai danni di un giovane rumeno. I fatti si verificavano la notte del 13 agosto quando in questa via Santa Maria della Croce il Peruviano a seguito di una lite con la vittima la colpiva con un coltello provocandole una ferita alla mano sinistra.

La persona offesa veniva curata presso il locale pronto soccorso e dimessa con prognosi di gg. 8, mentre l’aggressore riusciva a fuggire prima dell’arrivo delle unità operative intervenute. Le successive indagini portavano ad individuare l’autore nei confronti del quale venivano acquisiti importanti elementi di reità nella vicenda delittuosa in argomento. La posizione dell’extracomunitario è anche al vaglio dell’Ufficio Immigrazione della Questura di Cremona per l’adozione di provvedimenti amministrativi nei suoi confronti.
Un’unità operativa del Commissariato veniva inviata sulla S.P. 415 all’altezza del km 34 ove avveniva un sinistro stradale tra due veicoli a seguito del quale il conducente di uno dei due rimaneva ferito; l’altro si allontanava dal luogo senza prestare soccorso. Successivamente a seguito degli accertamenti esperiti da quest’Ufficio quest’ultimo veniva rintracciato e sanzionato amministrativamente per la violazione al codice della strada e indagato in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di cremona per il reato punito e previsto dall’art. 189 del c.d.s. (Fuga in caso di incidente con danni alle persone).


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...