Como, 12 g di sostanze stupefacenti nello zaino, minore e famiglia indagati

Como, Nel tardo pomeriggio di martedì 15 settembre i poliziotti della Squadra Volante della Questura di Como si sono recati nel comune di Torno (CO) al fine di verificare la veridicità di una segnalazione giunta poco prima e relativa alla presenza di sostanze stupefacenti in un’abitazione di quel Comune.

Giunti sul posto gli operatori hanno subito notato che sul terrazzo vi erano tre piante presumibilmente di marijuana e hanno deciso, cosi, di procedere ad una perquisizione domiciliare. Sul posto erano presenti il proprietario dell’abitazione F. S. del ’70, disoccupato, e sua figlia di 17 anni che, alla vista dei poliziotti, si sono subito mostrati nervosi. Ed avevano ragione di esserlo, perché nei vari ambienti della casa gli agenti hanno rinvenuto, oltre alle tre piante di marijuana presenti sul terrazzo, circa 150 grammi di sostanza stupefacente di tipo hashish e marijuana suddivisa in diversi involucri e contenitori nonché un bilancino di precisione e banconote di piccolo taglio, per un totale di 1.500,00 euro.

Circa 12 grammi di sostanza stupefacente sono stati trovati nella tasca di uno zaino che la minore ha ammesso essere di sua proprietà. I poliziotti hanno dunque proceduto al sequestro di quanto rinvenuto oltre che dei telefoni cellulare di entrambi.

Il padre, con precedenti di polizia per reati contro la persona e il patrimonio, e la figlia sono stati allora accompagnati in Questura per le procedure di rito, e, ad esito delle stesse, sono stati deferiti entrambi all’Autorità Giudiziaria ai sensi dell’art. 73 D.P.R. 309/90.

Giunta in Questura, la minore, ha riferito ai poliziotti che oltre a rifornirsi dal padre, talvolta acquistava marijuana o hashish tale C. S., italiano del ’90. Alla luce di questa dichiarazione gli agenti hanno dunque deciso di procedere ad una perquisizione anche presso l’abitazione di quest’ultimo e, giunti sul posto, hanno trovato un’abitazione in precarie condizioni igienico sanitarie ed il ragazzo, che, alla vista dei poliziotti, spontaneamente ha consegnato loro una bustina contenente pochi grammi di sostanza stupefacente. I poliziotti constatano anche che nell’abitazione, e precisamente nella stanza da letto, era stata creata una serra artigianale completa di luce a led, impianto di ventilazione ed areazione presumibilmente utilizzata per la coltivazione della marjuana e vi trovano all’interno una pianta, oramai secca, di detta sostanza oltre a due vasi pieni solamente di terra tutto sottoposto a sequestro.

Si è proceduto, pertanto, a segnalare il ragazzo con una sanzione amministrativa ai sensi dell’art. 75 comma 1 del D.P.R. 309/90.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...