Come raccontare i delitti? Esperti a convegno

297

L’Istituto di Medicina Legale dell’Università Statale di Milano apre le porte al grande pubblico per raccontare i grandi fatti di cronaca del presente e del passato. Venerdì 20 settembre l’Aula Magna dell’Università (via Festa del Perdono 7) ospiterà il convegno “Omicidi e Dintorni”. Gli organizzatori, la prof.ssa Isabella Merzagora e il prof. Umberto Genovese dell’Istituto di Medicina Legale, affronteranno un dibattito sugli avvenimenti di cronaca nera che negli ultimi anni hanno scosso e spesso diviso l’opinione pubblica italiana, insieme a giudici, avvocati, Forze dell’Ordine, giornalisti e scrittori nonché esperti di medicina legale e criminologia in un perfetto “cocktail” tra cronaca e scienza.Come raccontare la criminalità? Questo il tema della prima sessione, moderata dalla professoressa Merzagora, che come in un gioco di ruoli farà emergere il racconto e il punto di vista di diversi protagonisti: le autorità giudiziarie, le forze armate, i cronisti dei quotidiani e gli scrittori di romanzi gialli come Piero Colaprico e delle storie di cronaca nera come Matteo Liuzzi e Tommaso Bertelli.“L’idea di un convegno sul crimine è nata proprio leggendo le storie vere o romanzate della cronaca milanese e italiana. Il nostro paese è stato protagonista di crimini efferati in cui il ruolo del criminologo ha avuto un’importanza fondamentale a livello scientifico, ma il racconto e l’analisi del momento storico e delle indagini sono stati altrettanto essenziali” dichiara la professoressa Merzagora. Dalle fosse Ardeatine alle stragi di Piazza Fontana e di Falcone e Borsellino, fino alle morti nel Mediterraneo e del crollo del Ponte di Genova, la vittima è stata l’intera collettività. A ripercorrere questi avvenimenti del passato e del presente sarà il professor Zoja, moderatore della seconda sessione, insieme a esperti di medicina legale e di criminologia. Interverranno, tra gli altri, il prof. Umberto Genovese con un’analisi sull’attentato che nel dicembre del ‘69 distrusse la Banca Nazionale dell’Agricoltura di Milano; e la prof.ssa Cristina Cattaneo, autrice di un libro che prova a dare un nome e ricostruire la storia delle oltre 360 vittime del naufragio di Lampedusa del 2013.“Questo evento è solo il primo appuntamento di una lunga serie di incontri su diversi temi d’attualità che hanno visto il contributo della medicina legale e della criminologia. Il nostro obiettivo è quello di avvicinare sempre di più il grande pubblico e soprattutto i giovani, alla nostra professione, raccontandone i retroscena attraverso i grandi casi di cronaca del passato”, commenta il prof. Umberto Genovese.L’evento è patrocinato da SIMLA (Società Italiana di Medicina Legale e delle Assicurazioni) e da SIC (Società Italiana di Criminologia) ed è aperto al pubblico, per partecipare è necessaria l’iscrizione al sito responsabilitasanitaria.it, la partecipazione da parte di giornalisti e avvocati darà diritto a 7 e 4 crediti formativi rispettivamente.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...