Cavenago di Brianza, prima la rapina poi l’aggressione con un masso: arrestato un pericoloso ladro

La vittima è state aggredita per strada e si è salvato grazie ad un passante

Cavenago di Brianza, prima la rapina poi l’aggressione con un masso: arrestato un pericoloso ladro.

Prima la rapina, poi l’aggressione e a calci e pugni. Infine le minacce con un grosso sasso e l’intervento di un passante. È successo tutto nel pomeriggio ai giardinetti di Cavenago Brianza e subito è scattata l’indagine per assicurare il responsabile alla giustizia.

Meno di 24 ore dopo l’arresto da parte dei carabinieri della stazione di Agrate Brianza – Compagnia di Vimercate – del 30enne di origini marocchine che ha assalito il malcapitato con un complice.

Mentre il ‘palo’ lo tratteneva, lui prendeva a calci e pugni la vittima “un 36enne, Chef di nazionalita’ Islamica del Pakistan, che tornava dal lavoro,” per impossessarsi del suo zainetto. Dopo averlo pestato a mani nude, l’ha colpito in testa con una bottiglia ritrovata nelle vicinanze, poi è passato al masso.

Il salvataggio

Solo l’intervento di un passante ha scongiurato il peggio, per il ferito la prognosi è di 10 giorni. E’ successo tutto in pochi istanti, i testimoni raccontano che il ‘bersaglio’ era stato avvicinato dai due decisi a derubarlo, ma nello zainetto non c’erano oggetti di valore. L’aggressore mentre il ferito era inerme su una panchina si riavvicinava e si impossessava della borsa che abbandonava poco distante nel parco.

L’arresto

I Carabinieri – allertati – si sono messi subito sulle sue tracce e grazie alle immagini delle telecamere hanno ricostruito l’identità dell’aggressore “già noto per trascorsi giudiziari”. Ora, è in cella con l’accusa di rapina in concorso con armi e lesioni. L’inchiesta è coordinata dalla Procura di Monza.

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...