Cantù, marito e moglie arrestati per spaccio, sono stati trovati con 254gr di cocaina e 42mila euro

Cantù (Como), nel pomeriggio di ieri, nell’ambito di servizi finalizzati al contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, gli uomini della Squadra Mobile di Como hanno arrestato due coniugi, H.L., classe 1974, cittadino albanese, e C.G., classe 1979, italiana, entrambi con precedenti specifici di polizia, poiché colti nella flagranza di reato di detenzione e spaccio di cocaina a Cantù.
In particolare, gli agenti dell’antidroga, percorrendo le vie del centro canturino, notavano un uomo in un bar che scambiava qualcosa con un altro cliente in cambio di denaro.
Quest’ultimo, fermato poco lontano dal bar e sottoposto a controllo, è stato trovato in possesso di un involucro contenetene una piccola quantità di cocaina.
A quel punto, altri agenti bloccavano anche l’uomo che era stato visto ricevere i soldi trovandogli addosso tre palline di cocaina e somme di denaro di diverso taglio.
Nell’immediatezza dei fatti è stata effettuata la perquisizione domiciliare a carico del venditore, sempre nel comune di Cantù, ma nel momento in cui facevano accesso insieme all’uomo, la moglie lanciava maldestramente la propria borsa dal balcone.
Recuperata la borsa, oltre agli effetti personali della signora, gli agenti trovavano 254 grammi di cocaina (per un valore sul mercato illegale di droga di circa 15.000 euro, divisi in due pacchetti di cui uno sottovuoto ancora nel cellophane, una bilancia di precisione intrisa di sostanza stupefacente e circa 42.000 euro, in diversi tagli e divisi in mazzette, nonché 180 franchi svizzeri.
Per questi motivi, gli agenti della Squadra Mobile di Como arrestavano entrambi i coniugi e, su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Como che coordina le indagini, li accompagnavano alla Casa Circondariale di Como.
L’acquirente, invece, è stato segnalato amministrativamente ai sensi dell’art. 75 D.P.R. 309/90.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...