Genova, il cane anti-droga scopre 30mila euro nascosti in un armadio: due denunciati

Genova, la Polizia di Stato ha denunciato due italiani di 40 e 55 anni per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.
Durante un servizio di appostamento finalizzato alla lotta allo spaccio, gli operatori del Commissariato Sestri hanno notato la presenza di due soggetti fermi a bordo di uno scooter nei pressi dell’abitazione di un noto spacciatore della zona riconoscendo in uno dei due un tossicodipendente di Sestri. Dopo averlo visto entrare all’interno del luogo attenzionato e poco dopo uscirne con fare circospetto, gli investigatori hanno deciso di intervenire sottoponendolo a controllo. Il 40enne si è mostrato subito agitato, infatti gli è stato trovato nella tasca dei pantaloni un involucro di cellophane trasparente termosaldato contenente sostanza in cristalli di colore bianco risultata essere cocaina per un peso lordo di grammi 5.40.
Contestualmente è uscita in strada la moglie dello spacciatore che gli aveva appena venduto la droga e ha iniziato ad urlare per attirare l’attenzione del marito rimasto in casa, il quale si è deciso ad aprire la porta solo dopo parecchio tempo permettendo finalmente agli operatori di effettuare il controllo dell’abitazione “bunker”, protetta da porta blindata e rinforzata da sbarrata in ferro e da un sistema di videosorveglianza che consente di controllare i dintorni e vanificare eventuali controlli di Polizia.
Il cane LEONE addestrato per la ricerca di stupefacenti si è soffermato in molte parti dell’abitazione per poi raspare nervosamente in un angolo dell’armadio dove, togliendo una listarella di legno inchiodata al mobile, sono state rinvenute, stipate all’interno di una fessura dove sicuramente era presente sino a poco prima la droga, numerose banconote di diverso taglio per una somma totale di 29.780 euro probabile provento dell’attività di spaccio.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...