Cagliari, si tentava di reinserire socialmente un 44enne, ma si è dimostrato ingestibile causa dell’uso smodato di alcoolici: ricondotto in carcere

Cagliari, ieri i carabinieri della Stazione di Sant’Avendrace hanno dato esecuzione all’ordinanza di revoca di “licenza sperimentale” (per tentativo di reinserimento sociale), emessa dall’Ufficio di Sorveglianza del Tribunale di Cagliari, traducendo presso la casa di reclusione di Isili un 44enne, già ivi detenuto per il reato di maltrattamenti in famiglia, senza fissa dimora, domiciliato in Via Monte Santo, celibe, disoccupato, ben conosciuto dalle forze dell’ordine. L’uomo, già agli arresti domiciliari, è andato incontro alla revoca del beneficio, a causa delle dell’uso smoderato da parte dello stesso di bevande alcoliche, accertato da personale medico del pronto soccorso dell’ospedale civile “Brotzu” di Cagliari, ove era stato accompagnato da personale del servizio “118” su segnalazione di passanti che lo avevano osservato per strada, mentre versava in condizioni assolutamente preoccupanti. Per evitare rischi connessi con possibili coma etilici, si è provveduto in tal senso. Analoga situazione si era presentata anche in passato, in licenza premio l’uomo si era abbandonato ad eccessi con l’alcol ed era stato ricondotto in carcere.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...