Cagliari, i Carabinieri intervengono per il sequestro dei beni beni immobili, società e altri beni mobili di provenienza delittuosa

Cagliari, Nella giornata di ieri nelle Province di Cagliari, Milano e Bergamo, i carabinieri del R.O.S. di Cagliari, coadiuvati dai colleghi dell’Anticrimine e dei Comandi Provinciali Arma competenti per territorio, hanno dato esecuzione a un decreto che dispone il “sequestro preventivo di beni”, emesso pochi giorni prima dal G.I.P. presso il Tribunale di Cagliari, su conforme proposta della locale Procura Distrettuale, che ha disposto il sequestro preventivo di beni immobili, società e altri beni mobili a carico di:

  1. Biasioli angelo, nato a Villacidro nel 1958 e residente a Cagliari, gravato da precedenti per reati in materia di stupefacenti (già detenuto presso la casa circondariale di Cagliari – Uta);
  2. Matza Jonata, nato a Cagliari nel 1976, gravato da precedenti per reati in materia di stupefacenti (già detenuto presso la casa circondariale di Cagliari – Uta);
  3. Palmas Sergio, nato a Cagliari nel 1964, residente a Pimentel, gravato da precedenti per reati in materia di stupefacenti (in atto sottoposto agli aa.dd.);
  4. Sanna Umberto, nato a Guasila nel 1949 domiciliato in Villa di Serio (BG), gravato da precedenti per reati in materia di stupefacenti (già detenuto presso la casa circondariale di Voghera (PV)).

L’ operazione scaturisce dalle risultanze delle indagini patrimoniali effettuate nell’ambito dell’attività investigativa del R.O.S. convenzionalmente denominata “DAMA” (diretta dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari – DDA) finalizzata a disarticolare due distinti sodalizi: l’uno con a capo Mura Efisio, dedito al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti, con qualificati contatti con emissari della famiglia di ‘ndrangheta Barbaro-Papalia di Buccinasco (MI), rigidamente e gerarchicamente organizzata ed operativa nell’area del popolare quartiere cagliaritano di S. Elia, dove aveva imposto la propria presenza sul territorio con metodi violenti e gestiva una delle piazze di spaccio (in particolare cocaina ed eroina) più importanti del capoluogo, l’altro con a capo il guasilese Sanna Umberto, radicato tra la Sardegna e la Lombardia (in particolare nella provincia di Bergamo), che si rivelava una delle principali linee di rifornimento di narcotico per la provincia di Cagliari e quella di Nuoro, capace di garantire l’immissione nel territorio isolano di circa 7 kg. di cocaina al mese.

il provvedimento di sequestro preventivo ha riguardato nello specifico i seguenti beni:

  1. a carico di Biasioli Angelo:

–       intero patrimonio aziendale ed intero capitale sociale della società “L’Orizzonte di Antonella Usula & c. s.n.c.”, con sede a Villacidro (su), e sede operativa a Cagliari”;

–       1 autovettura intestata alla stessa società;

–       1 motociclo;

–       conti correnti, carte di debito e polizze assicurative intestati alla medesima impresa;

–       immobile sito a Milano in Via Marco D’Agrate.

  1. a carico di Matza Jonata:

–       intero patrimonio aziendale ed intero capitale sociale dell’impresa individuale a lui intestata, con sede a Guasila e fondi rurali nel territorio del medesimo comune per un’estensione approssimativa di 3 ettari;

–       4 autovetture, 3 autocarri e 3 motocicli tutti intestati a lui o all’omonima impresa individuale;

–       buoni fruttiferi e conto corrente tutti intestati a lui o all’omonima impresa individuale.

  1. a carico di Palmas Sergio:

–       quote ideali fino alla concorrenza del valore della edificazione e completamento, suscettibile di rivalutazione in aumento in seguito a perizia di fabbricati abusivamente realizzati da Palmas Sergio a Pimentel in località S’Acqua Salida;

–       conto corrente bancario intestato al medesimo Palmas Sergio.

  1. a carico di Sanna Umberto:

–       abitazione, sita a Villa di Serio (BG) e relative pertinenze.

contestualmente alla notifica ed esecuzione del provvedimento, gli operanti hanno assicurato l’immissione in possesso delle Società e di tutti gli altri beni oggetto del provvedimento ablativo all’amministratore giudiziario nominato dal medesimo G.I.P.

il valore dei beni sottoposti a sequestro è al momento quantificato in circa 1 milione di euro.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...