Cagliari, festa privata in villetta: 15 sanzionati, di cui 6 minorenni

Cagliari, i vicini avevano tollerato il baccano della festa per tutta la notte, ma giunti al mattino si erano stancati e, senza un previo accordo fra di loro, avevano preso a chiamare i carabinieri sull’utenza di pronto intervento 112. Siamo a Sinnai, in un’area ove molti appartenenti alla buona borghesia cagliaritana possiedono una seconda casa. In una bella villetta con giardino, un gruppo di giovani aveva preso a festeggiare a modo proprio la fine della zona arancione e l’inizio delle maggiori restrizioni. Inviati dalla centrale operativa della Compagnia di Quartu Sant’Elena, i carabinieri della locale Stazione hanno così segnalato alla Prefettura di Cagliari per la palese violazione delle normative per il contenimento della pandemia in corso, 15 giovani amici di cui 6 minorenni, quasi tutti cagliaritani.

I militari operanti, hanno proceduto al controllo dei ragazzi che avevano organizzato una festa privata all’interno di una villetta, di proprietà del nonno paterno di uno dei giovani segnalati, situata in località “Villaggio delle Mimose”. A tutti è stata applicata l’ormai famosa sanzione amministrativa pecuniaria da 400 euro. Sembra che dell’iniziativa dei ragazzi i genitori non ne sapessero niente. È senz’altro dura per degli adolescenti, o poco più, non poter avvicinare dei coetanei, e questo tutti lo comprendono, ma in questo momento l’esigenza di fermare i contagi ha preminenza su tutto, come le norme vigenti impongono.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...