Cagliari, appostamento permette di arrestare un pusher, in casa aveva droga, coltello e contanti

Cagliari, ieri sera tardi, al termine di una breve ma accurata indagine, i carabinieri della Stazione di Cagliari-Stampace, coadiuvati da personale del Nucleo Cinofili di Cagliari intervenuto in supporto, hanno tratto in arresto nella flagranza del reato di spaccio e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti un 23enne residente in Corso Vittorio Emanuele, già gravato da precedenti denunce.

I militari si erano organizzati con tanto di binocoli per un servizio di osservazione da zona defilata in Via Santa Margherita. Speravano di poter osservare almeno un’azione di spaccio che consentisse poi di procedere con delle perquisizioni. Il servizio ha in breve permesso di identificare un acquirente che fermato per strada poco distante, a seguito di successiva perquisizione domiciliare, è stato trovato in possesso di due bustine di marijuana pari a 9,72 grammi.

I carabinieri a questo punto hanno eseguito una perquisizione domiciliare nell’abitazione in uso all’autore dell’azione di spaccio, prima osservato dai militari. I carabinieri hanno rinvenuto nella circostanza:

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building
  • 2.381 grammi di marijuana (due chili e 381 grammi) di cui 218 grammi in 106 dosi confezionate e la restante parte impacchettata in buste in cellophane di varie dimensioni;
  • 370 grammi di hashish, di cui 39 grammi in 15 dosi confezionate, 3 panetti da 100 grammi ciascuno e la restante parte pronta per il confezionamento;
  • un pugnale della lunghezza di 27 cm intriso di sostanza stupefacente;
  • materiale da confezionamento e un bilancino di precisione;
  • la somma contante di 1050 euro, probabile provento dell’illecita attività commerciale.

È davvero incredibile che i vicini non abbiano mai sentito e segnalato (anche soltanto in maniera anonima) il fortissimo e pungente odore di cannabis che proveniva da quell’abitazione.

Quanto rinvenuto è stato posto a sequestro, unitamente al telefono cellulare dell’interessato. L’acquirente verrà segnalato alla competente Prefettura di Cagliari per probabili sanzioni amministrative.

L’arrestato è stato tradotto immediatamente alla casa circondariale di Uta dove ha atteso l’udienza di convalida del provvedimento adottato nei suoi confronti, che si terrà oggi al palazzo di giustizia di Cagliari.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...