Cagliari, 1.120 reperti archeologici sequestrati: i risultati dell’attività operativa dei Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale

Cagliari, 61 le persone denunciate, 7 quelle arrestate (2 in flagranza di reato e 5 in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare), 1.120 i reperti archeologici recuperati, 2 gli immobili sottoposti a sequestro preventivo per reati monumentali e paesaggistici, per un totale di un milione di euro. Questi sono alcuni dei numeri del consuntivo dell’attività operativa che il Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Cagliari, in sinergia con le diverse componenti dell’Arma territoriale e degli altri Reparti specializzati, ha svolto in Sardegna nel 2020.
Tra le operazioni di maggior rilievo concluse – le prime due coordinate dalla Procura della Repubblica di Oristano -, si segnalano:

  • l’arresto in flagranza di reato (17 febbraio 2020) di una persona di Terralba, trovata in possesso di armi e munizioni e di circa 1.000 reperti archeologici, tra cui più di 700 monete fenicio-puniche e romane, 10 anelli, 11 medagliette votive nonché di due metal detector e la denuncia in stato di libertà di tre individui originari di Terralba, Marrubiu e Oristano, trovati in possesso di circa 60 reperti archeologici (tra cui spicca anche un bronzetto nuragico), 4 fossili nonché di un metal detector e di munizionamento da guerra e comune;
  • l’esecuzione della misura cautelare emessa dal Giudice per le Indagini preliminari presso il Tribunale di Oristano (20 ottobre 2020) nei confronti di un sodalizio criminale dedito alla commissione di truffe ed estorsioni nei confronti di parroci e di responsabili di Istituti religiosi. La misura cautelare, che ha colpito i consociati sia dal punto di vista personale (3 custodie in carcere, 2 agli arresti domiciliari e 3 all’obbligo di dimora nel comune di residenza/domicilio), sia sotto il profilo patrimoniale (sequestro di due villette, di un terreno edificabile e dei conti correnti / polizze di pegno per un valore complessivo quantificato in circa 800.000,00 euro), è stata emessa a conclusione dell’indagine denominata “Res ecclesiae”, avviata nel dicembre 2017, che ha consentito di ricostruire l’attività illecita posta in essere da 13 persone di etnia Rom (Romanì), tutte collegate tra loro da vincoli di parentela o affinità riconducibili a cinque famiglie discendenti dai medesimi capostipiti;
  • il recupero e la messa in sicurezza (1 e 2 dicembre 2020) dei registri più antichi dello stato civile del Comune di Bitti, piccolo centro della Barbagia settentrionale violentemente colpito dal nubifragio che, il 28 novembre 2020, provocò anche la morte di tre persone.  

L’attività operativa del 2020

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building
Introduzione

Le attività svolte e i risultati conseguiti nel 2020 sono stati inevitabilmente condizionati dall’emergenza sanitaria da COVID-19. Infatti, le misure restrittive di volta in volta adottate da Governo e dalla Regione hanno determinato anche la chiusura dei luoghi della cultura e degli esercizi commerciali di settore, limitando l’esecuzione delle azioni di prevenzione che questo Comando ha sempre condotto e che si sono costantemente rilevate foriere di importanti sviluppi investigativi. Alla luce di ciò nelle fasi di lockdown lo strumento operativo è stato rimodulato e orientato a sviluppare azioni di monitoraggio dinamico degli obiettivi culturali sensibili, nonché a intensificare e ampliare altri ambiti di controllo, tra cui quelli sul commercio elettronico. Questa parentesi temporale di rallentamento è servita di contro per affinare le potenzialità del TPC nelle attività di monitoraggio connesse al web e alla “Banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti”.

Per quanto riguarda i reati, il dato, pur essendo stato rilevato come da prassi, deve essere valutato considerando le limitazioni al movimento delle persone, situazione che inevitabilmente ha influito anche sull’operatività delle compagini criminali. Trattandosi di una situazione che rappresenta un unicum, la comparazione di quanto rilevato nel 2020 rispetto agli anni precedenti non restituisce elementi significativi per la definizione dei trends criminali nel settore di competenza.

Dall’analisi dell’attività criminale riguardante il settore del patrimonio culturale, effettuata comparando i dati statistici del 2020 con quelli dell’anno precedente relativi all’intera regione, emerge:

  • un lieve aumento dei furti di beni culturali (da 3 a 6), dato che si attesta tra i più bassi a livello nazionale;
  • un lieve aumento degli scavi clandestini (da 4 a 5);
  • un aumento degli oggetti trafugati (da 10 a 122);
  • un aumento del numero delle persone arrestate (da 0 a 7) e di quelle denunciate per reati inerenti la materia dei beni culturali (da 51 a 61);
  • un notevole aumento dei reperti archeologici recuperati (da 451 a 1.120);
  • un aumento degli immobili sequestrati per reati inerenti gli abusivismi edilizi/paesaggistici (da 0 a 2).
Azione preventiva

Come detto in questo periodo notevole impegno è stato profuso nel monitoraggio dei siti web dedicati al commercio elettronico, sia in tema di materiale archeologico e antiquariale, sia con riferimento all’arte contemporanea. Ben 1.472 beni culturali sono stati sottoposti a controllo nella Banca Dati Leonardo. Grazie al continuo monitoraggio dei siti internet specializzati, sono stati individuati all’estero diversi beni riconducibili al patrimonio culturale nazionale per cui sono in atto, grazie alla cooperazione internazionale di polizia, attività finalizzate al loro recupero ed al definitivo rientro in Italia.

Nello specifico, sono stati effettuati:

  • 25 sopralluoghi per l’accertamento dello stato di sicurezza di musei, biblioteche e archivi;
  • 400 controlli di aree archeologiche, compreso il sito “Su Nuraxi” di Barumini, unico in Sardegna tutelato dall’UNESCO;
  • 200 verifiche in aree tutelate da vincoli paesaggistici/monumentali;
  • 193 controlli a esercizi commerciali di settore.

LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...