Bologna, una signora aiutata dalla Polizia Locale nella ricerca del cane e del marito malato di Alzheimer

Il cane era stato consegnato alla Polizia Locale, mentre il marito, dopo le ricerche, è stato trovato al pronto soccorso a causa di una caduta

Bologna, una signora aiutata dalla Polizia Locale nella ricerca del cane e del marito malato di Alzheimer.

Ritrova il cane e perde temporaneamente il marito, ma grazie all’aiuto della Polizia Locale la disavventura di una signora bolognese si è conclusa con un lieto fine. La vicenda risale a martedì scorso, quando agli uffici del reparto territoriale Saragozza-Porto della Polizia Locale è stato consegnato un cane di piccola taglia, senza medaglietta. Allertato immediatamente il canile comunale, grazie alla presenza del microchip, si è risaliti alla proprietaria del cagnolino. Contattata telefonicamente, la signora, sapendo che il cane sarebbe dovuto essere in casa con il marito, ha chiesto di fare una verifica prima di recarsi agli uffici. A questo punto la signora si è precipitata dalla Polizia Locale molto spaventata e agitata, in quanto il marito, malato di Alzheimer, non era in casa e soprattutto da un paio d’anni non usciva mai da solo. Due agenti del reparto territoriale, in collaborazione con la Centrale Radio, si sono subito attivate nelle ricerche, concluse al pronto soccorso dell’Ospedale Maggiore dove l’uomo era da poco arrivato a causa di una caduta. La signora ha dunque potuto riabbracciare in un colpo solo marito e cagnolino.

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...