fbpx
CAMBIA LINGUA

Bologna: proseguono i controlli della provincia in merito alle verifica del rispetto delle leggi in materia di lavoro

7 aziende ispezionate, 5 attività sospese, sanzioni e ammende.

Bologna: proseguono i controlli della provincia in merito alle verifica del rispetto delle leggi in materia di lavoro.

Bologna. I Carabinieri del NIL (Nucleo Ispettorato del Lavoro) di Bologna, unitamente a militari del Comando Provinciale CC di Bologna, hanno eseguito nell’ambito della provincia, attività finalizzata a verifiche del rispetto delle leggi in materia di lavoro e della regolare instaurazione dei rapporti di lavoro, al fine di prevenire e reprimere fenomeni di lavoro irregolare, di forme più gravi di irregolarità quali il c.d. fenomeno del lavoro “nero” e lo sfruttamento in ambito lavorativo.
Le aziende ed attività ispezionate sono state 7 ed è stato individuato 1 lavoratore impiegato “in nero”, ovvero senza alcun contratto di assunzione e privo di regolare permesso di soggiorno.

Nel corso delle ispezioni in materia di lavoro, sono state eseguite, inoltre, verifiche finalizzate alla corretta osservanza delle norme a tutela della salute e sicurezza dei lavoratori previste dal D.lgs 81/2008.
A seguito delle accertate gravi inadempienze da parte dei datori di lavoro in materia di salute e sicurezza a tutela dei lavoratori e per le violazioni inerenti l’impiego in maniera irregolare di cittadini stranieri privi di titoli di soggiorno, gli stessi, nel numero complessivo di 7 datori di lavoro, sono stati deferiti alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Bologna. Le attività sospese, sia per la presenza di lavoratori in “ nero”, sia per gravi violazioni relative alla tutela della salute e sicurezza dei lavoratori sui luoghi di lavoro, risultano essere 5 su 7 aziende ispezionate.
Elevate sanzioni amministrative e ammende per un ammontare complessivo di 70.000 euro.

In particolare:

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Verifiche ed ispezioni di attività commerciali in Bologna:

– 3 attività controllate;
– Adottati 2 provvedimenti di sospensione di attività imprenditoriale;
– Violazioni in materia di sicurezza e tutela della salute dei lavoratori.
I militari del NIL (Nucleo Carabinieri Ispettorato del lavoro) di Bologna a seguito di controlli finalizzati al rispetto delle leggi in materia di lavoro e di sicurezza e salute dei lavoratori, procedevano in Bologna, al controllo di 3 attività commerciali e in 2 attività di rivendita di abbigliamento e calzature, gestite da imprenditoria cinese, è stato riscontrato l’impiego di nr. 6 lavoratori, senza la preventiva e obbligatoria formazione in materia di sicurezza e dei rischi presenti sui luoghi di lavoro. Per una delle due attività, inoltre, è stata riscontrata anche la mancanza della redazione del documento di valutazione dei rischi previsto dall’art. 29 D.lgs81/2008. In relazione a quest’ultima violazione è stato applicato il provvedimento della sospensione dell’attività imprenditoriale.
Ulteriore provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale è stato disposto nei confronti di imprenditore di nazionalità bengalese, per aver omesso, anche in questo caso, l’elaborazione del documento di valutazione dei rischi, in relazione alla attività di rivendita carni.
Elevate sanzioni/ammende per circa 30.000 euro.

Verifiche ed ispezioni effettuate ad attività commerciali in Imola e San Giovanni in Persiceto e nel settore agricolo in Sasso Marconi:

– 4 attività controllate;
– 1 maxi sanzione per lavoratore straniero “in nero” e privo di permesso di soggiorno;
– Adottati 3 provvedimenti di sospensione dell’attività imprenditoriale;
– Violazioni in materia di sicurezza e tutela della salute dei lavoratori.
In Sasso Marconi (BO) i militari del NIL (Nucleo Carabinieri Ispettorato del lavoro) di Bologna, nell’ambito dell’attività finalizzata al contrasto del lavoro irregolare e tutela sicurezza sui luoghi di lavoro, procedevano al controllo di un’azienda agricola, ove veniva riscontrato l’impiego di 3 braccianti, privi di idoneità sanitaria, in quanto non sottoposti a preventiva visita medica e privi di formazione specifica in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro.
In San Giovanni in Persiceto (BO) venivano sottoposte a controllo 2 attività commerciali esercenti attività di pizzeria/rosticceria, presso le quali veniva riscontra la mancata elaborazione del documento di valutazione dei rischi e pertanto, in entrambi i casi, è stato applicato il provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale.
In Imola (BO) i Carabinieri del NIL, nel corso di ispezione ad attività di ristorazione, riscontravano l’impiego da parte di imprenditore di nazionalità turca, di un lavoratore connazionale “in nero”, privo di contratto e privo di permesso di soggiorno. Per tali ragioni, è stato adottato il provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale e il titolare dell’azienda veniva deferito all’ A.G. felsinea per violazione delle disposizioni riguardanti l’impiego di stranieri in ambito lavorativo.
Elevate complessivamente sanzioni/ammende per circa 40.000.

carabinieri

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×