Bergamo, Polizia identifica il minorenne autore della rapina in Stazione del 3 febbraio

Bergamo, Personale della Squadra Mobile della Questura di Bergamo ha identificato l’autore della rapina oggetto dell’articolo pubblicato su un quotidiano locale on line in data 4 febbraio 2021, dal titolo “Mio figlio 15enne rapinato alla luce del sole in stazione: dov’è la sicurezza?”.

Appresa la notizia e senza alcuna denuncia formale, gli operatori della sezione “Reati contro il patrimonio” hanno subito contattato la giovane vittima, classe 2005, per comprendere meglio la dinamica dei fatti. Si è così appurato che alle ore 13 circa dello scorso 3 febbraio, la vittima e i due amichetti che erano con lui, una volta scesi dal tram della TEB per raggiungere l’uscita dell’area delle pensiline, sono stati avvicinati e fermati da un gruppo di 4 ragazzi, uno dei quali, con la scusa di vendere loro della sostanza stupefacente, ha preteso del denaro contante. Rifiutata la richiesta, il giovane ha minacciato il minore di far intervenire i suoi compagni, posizionati a sbarrare il passaggio. 

La vittima pertanto, onde evitare che la situazione degenerasse, si accingeva ad estrarre il proprio portafoglio, quando il delinquente lo brandiva strappandoglielo dalla mano e toglieva dal suo interno una banconota da 5,00 (cinque) euro.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

La visione delle telecamere acquisite dai sistemi di videosorveglianza nell’area dell’evento ha permesso di ricostruire e confermare la vicenda. Sono, dunque, stati attivati discreti servizi di osservazione presso la Stazione di Bergamo finalizzati proprio a ricercare l’autore del fatto. 

I servizi di PG hanno dato esito positivo, portando all’identificazione di un giovane (classe 2006) del tutto simile, per caratteristiche, descrizioni ed abbigliamento, all’autore del fatto. Lo stesso è stato inconfutabilmente riconosciuto quale autore della rapina dalla persona offesa e dal suo amico presente ai fatti. 

Quanto detto è confluito in apposita comunicazione notizia di reato, inviata alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Brescia.

 

Si coglie l’occasione per ricordare ai giovani, ai genitori e in generale a tutti i cittadini, l’importanza di contattare il numero unico di emergenza (112) per segnalare ogni episodio di reato o disordine pubblico in atto che possa necessitare di un pronto intervento della Polizia di Stato e delle altre Forze dell’Ordine, e comunque, di formalizzare attraverso lo strumento della denuncia ogni reato di cui si è stati vittima o di cui si è in qualunque modo venuti a conoscenza. 


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...