Bergamo, minacciavano sui social enti istituzionali e postavano foto di armi, identificati ed indagati per possesso di armi

Bergamo, Da consueta attività di monitoraggio della rete internet operata dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni, è emerso un profilo Facebook nel quale venivano pesantemente minacciati e diffamati diversi rappresentati Istituzionali.

Approfondimenti investigativi subito intrapresi da parte di personale del Compartimento Polizia Postale di Milano, hanno permesso di evidenziare un profilo digitale molto più ampio dell’hater che stava dietro l’account prima menzionato.
In particolare, lo stesso nel corso del tempo ha pubblicato su diverse piattaforme digitali e sotto differenti Nickname, immagini di armi ed esplosivi, apparentemente in dotazione allo stesso. Tale circostanza, ha portato ad ulteriori ed immediati accertamenti investigativi condotti dalla Digos di Bergamo, che sono culminati con una Perquisizione ex art 41 TULPS, alla ricerca di armi presso l’abitazione dell’indagato, identificato per G.M., classe 1973 residente nella Provincia di Bergamo.

La perquisizione, eseguita unitamente al personale della Polizia Postale del capoluogo bergamasco, dava esito positivo in quanto venivano rinvenute presso l’abitazione numerosissime armi da soft-air, armi bianche con lame di diversa forma e lunghezza, nonché due fucili da caccia legalmente detenuti da un convivente dell’indagato.
Tutto il materiale, oltre ad un pc, un tablet ed un telefono cellulare, veniva debitamente sequestrato e G.M. veniva deferito in stato di libertà alla locale A.G. ex art. artt. 595 e 612 C.P. – artt. 4 e 5 Legge 110/75.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...