Bergamo, attività di contrasto alla violenza di genere: 46enne italiano perseguitava l’ex moglie

Bergamo, Nell’ambito della quotidiana attività di contrasto alla violenza di genere, a seguito di approfondite indagini della Divisione Anticrimine della Questura di Bergamo, è stato eseguito oggi il provvedimento di divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalla persona offesa, disposto dal Gip del Tribunale orobico d.ssa Maria Luisa MAZZOLA su richiesta del P.M. d.ssa Chiara MONZIO COMPAGNONI della locale Procura della Repubblica , nei confronti di un uomo, italiano di 46 anni, dimorante in un comune dell’hinterland bergamasco responsabile di atti persecutori nei confronti della ex moglie, cittadina italiana trentenne.

Il soggetto, già destinatario di Ammonimento del Questore di Bergamo nell’agosto scorso, non rassegnandosi alla fine del matrimonio, a partire dal 2017, subissava la donna di messaggi e telefonate minatorie, la denigrava con i figli minori e con comuni conoscenti attribuendole presunti tradimenti, la pedinava, scattandole fotografie che poi le inviava per farle sapere che monitorava i suoi spostamenti, arrivando a seguirla anche quando era a bordo dell’auto con i giovani figli, scrivendole messaggi ingiuriosi e minatori, anche del seguente tenore “cazzarola, perché avevi i bambini in macchina, il mio sogno è fare un frontale con te, io in moto e tu in macchina”.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...