fbpx
CAMBIA LINGUA

Bagno a Ripoli. Non si rassegna alla fine della relazione sentimentale. Dopo le molteplici minacce ed insistenze, 33enne arrestato

A bordo dell’autovettura dell'uomo presenti alcuni oggetti idonei all’offesa, compresi un coltello multiuso e un paio di forbici

Bagno a Ripoli. Non si rassegna alla fine della relazione sentimentale. Dopo le molteplici minacce ed insistenze, 33enne arrestato.

È sempre alta l’attenzione verso i delitti riconducibili alla violenza di genere: è così infatti in meno di 24 ore i Carabinieri del capoluogo sono stati allertati in ordine a una situazione a potenziale rischio di degenerazione e nella notte appena trascorsa hanno proceduto all’arresto in flagranza di reato per atti persecutori di un uomo italiano.

Verso le 21.00 di lunedì, a seguito di attivazione pervenuta sul numero di emergenza 112, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Firenze sono intervenuti nel territorio di Bagno a Ripoli, su richiesta di una donna che chiedeva aiuto poiché intimorita dall’ex compagno che, con la pretesa di voler parlare con la donna, la attendeva all’esterno del luogo di lavoro sin dall’inizio del turno, avvenuto nel tardo pomeriggio.

La donna, seppur scossa dalla spirale di eventi in cui si stava trovando catapultata, aveva la lucidità di fornire ai militari tutti gli elementi necessari per poter procedere all’individuazione e all’identificazione dell’uomo, effettivamente sorpreso dai militari all’interno dell’abitacolo della sua autovettura all’esterno del luogo di lavoro senza una valida ragione.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Da quel momento sono stati svolti tutti gli accertamenti che hanno condotto i militari a rinvenire dapprima nella disponibilità dell’uomo a bordo dell’autovettura alcuni oggetti idonei all’offesa, compresi un coltello multiuso e un paio di forbici, il cui porto in luogo pubblico, si precisa, è del tutto immotivato e ingiustificato, e successivamente a rendersi conto e ricostruire il quadro di pressioni e di minacce vissute nell’ultimo periodo dalla donna.

La vittima, di fronte ai Carabinieri, ha infatti rappresentato una situazione in atto già dai tempi della relazione sentimentale, aggravatasi al termine della stessa, cui aveva deciso di porre fine già nella serata di domenica quando, stanca delle insistenze e delle minacce, richiedeva per la prima volta l’intervento dei Carabinieri.

A nulla è valso il primo intervento tanto che durante l’intera giornata di lunedì l’atteggiamento persecutorio è proseguito fino all’arresto in flagranza occorso davanti alla sede del luogo di lavoro della donna.

Raccolta l’ennesima prova nei confronti dell’uomo, già destinatario in passato di un ammonimento del Questore per analoghi motivi in danno di altra donna, il giovane è stato dichiarato in stato di arresto per il reato di atti persecutori e trattenuto in camera di sicurezza in attesa del rito direttissimo celebrato nella giornata di ieri. L’arresto è stato convalidato ed è stata applicata la misura cautelare in carcere.

Bagno a Ripoli. Non si rassegna alla fine della relazione sentimentale. Dopo le molteplici minacce ed insistenze, 33enne arrestato.

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×