fbpx
CAMBIA LINGUA

Attività di prevenzione e repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti a Mestre

Arrestati due cittadini stranieri.

Attività di prevenzione e repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti a Mestre.

Nei giorni scorsi i poliziotti del Commissariato di P.S. di Mestre, nell’ambito dei capillari servizi finalizzati alla prevenzione ed alla repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti oltre che alla criminalità diffusa nell’area del Quadrilatero di Via Piave a Mestre, hanno tratto in arresto, in due distinte operazioni, due cittadini stranieri sospettati di spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti.

Nel primo caso i poliziotti, nel corso del consueto servizio di controllo del territorio in zona Corso del Popolo a Mestre, dopo una meticolosa attività di osservazione hanno intercettato un soggetto, noto alle Forze dell’Ordine in quanto già gravato da precedenti specifici in materia di spaccio di sostanze stupefacenti, mentre sarebbe stato intento a cedere una dose di cocaina ad un potenziale acquirente.

A quel punto i poliziotti sono intervenuti bloccando il cittadino straniero.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Il sospettato, pertanto, al termine degli accertamenti di rito, è stato arrestato e posto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria che ha applicato, nei suoi confronti, la misura preventiva del D.A.C.Ur..

Inoltre, nel corso di un’ulteriore servizio di prevenzione e controllo del territorio in Via Pepe a Mestre, gli agenti del Commissariato hanno intercettato un cittadino straniero, già gravato da precedenti specifici in materia di droga, mentre sarebbe stato intento a cedere due dosi di eroina ad un potenziale acquirente.

Anche in questo caso i poliziotti sono prontamente intervenuti bloccando il soggetto.

A seguito di successiva perquisizione personale, inoltre, i poliziotti hanno rinvenuto altre 7 dosi di sostanza stupefacente di tipo eroina.

Il cittadino straniero, pertanto, è stato arrestato in quanto ritenuto responsabile di spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti.

A seguito di giudizio direttissimo, il giudice ha applicato nei suoi confronti la misura cautelare del divieto di dimora nella Regione Veneto.

Attività di prevenzione e repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti a Mestre.

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×