Ancona, rapine a bar, pizzerie, kebab e ristoranti: arrestata una coppia di ladri

Ancona, la Polizia di Stato, nelle ultime ore ha dato esecuzione all’Ordinanza di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere a carico di una coppia (entrambi trentenni) ritenuta responsabile a vario titolo di almeno n. 9 episodi tra furti e rapine aggravate commesse in concorso tra loro, ad Ancona, tra giugno e settembre 2021, ai danni di bar, pizzerie, kebab e ristoranti siti nel territorio cittadino.

I sodali, in concorso tra loro e avvalendosi di mezzi atti allo scasso, si sono introdotti in più occasioni e nottetempo all’interno di esercizi commerciali, facendo razzia di denaro e di ogni bene ivi presente. In alcune circostanze, gli atti predatori si sono consumati durante gli orari di apertura dei pubblici esercizi commettendo, rapine improprie, quindi con l’uso di violenza su cose o persone, per assicurarsi il provento delle loro azioni criminose.

L’attività investigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona, è stata condotta dalla locale Squadra Mobile, Sezione Reati Contro il Patrimonio e la Pubblica Amministrazione, di concerto con il Gabinetto Interregionale della Polizia Scientifica Marche e Umbria, che sulla base degli esami tecnici effettuati sui frammenti d’impronte papillari latenti, rinvenuti nei luoghi depredati, ha permesso agli investigatori di delineare un preciso ed inequivocabile quadro indiziario che ha fatto ritenere gli indagati quali unici responsabili dei fatti denunciati.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Ad avvalorare il quadro probatorio è stato anche un tatuaggio di uno degli indagati.

Uno dei due arrestati (l’uomo) risultava già sottoposto alla misura di sicurezza della libertà vigilata, disposta in sostituzione di quella dell’allontanamento dal territorio dello Stato Italiano.

Entrambi si trovano in carcere, rispettivamente a Montacuto, il ristretto di sesso maschile e a Villa Fastiggi (PU) (carcere femminile) l’indagata.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...