fbpx

Abruzzo, attacco hacker alla sanità: al lavoro la Polizia Postale

Nuove minacce e dati divulgati. Il Presidente della Regione Marsilio: «Non sarà pagato nessun riscatto»

Abruzzo, attacco hacker alla sanità: al lavoro la Polizia Postale.

Mentre la Asl aquilana si scusa per i disagi, il Presidente della Regione Marco Marsilio afferma che non pagherà mai un riscatto. Ore di fuoco per la sanità in Abruzzo, con gli hacker che rinnovano le minacce e sul dark web spiegano la loro strategia.

Intanto sempre sul web vengono diffusi i dati personali dei pazienti, compreso il boss della mafia Messina Denaro, del quale sarebbero disponibili esami ematici ma non la cartella clinica da malato di tumore, che è in versione cartacea ed è blindata nel super carcere aquilano.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Sono ormai 10 giorni che la sanità aquilana è sotto scacco: ben 500 giga di dati trafugati. E la Asl prova a difendersi spiegando che attacchi di pirateria informatica si sono verificati e continuano a verificarsi colpendo Aziende Sanitarie in tutta Italia.

«Questo attacco informatico – spiega il Presidente Marsilioha il solo scopo di lucrare attraverso la divulgazione di questi dati e l’unico modo per contrastarlo è quello di non aprire i documenti».

«La task force messa in campo per contrastare l’azione degli hacker – prosegue Marsilio continua nel suo lavoro, giorno e notte, con il triplice obiettivo di minimizzare i danni, ripristinare l’operatività e prevenire ulteriori attacchi che sono stati annunciati».

abruzzo 1

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×