Cremona, controllo sul territorio, identificati diversi autori di reati contro il patrimonio

Cremona,, In vista del ferragosto il Commissariato di Crema ha attivato operazioni di controllo a vasto raggio nei luoghi maggiormente frequentati e ritenuti più sensibili come: stazione ferroviaria, parcheggi, adiacenze di complessi alberghieri, locali pubblici, ecc., al fine contrastare fenomeni criminosi diffusi quali gli scippi, i furti in abitazione e i borseggi.
L’attività che ha visto l’impiego di numerose unità operative del Commissariato di P.S., si è conclusa con i seguenti risultati:
PERSONE IDENTIFICATE: nr. 301
AUTOMEZZI CONTROLLATI: nr. 82
POSTI DI CONTROLLO SULLE STRADE PRINCIPALI: nr. 16
ESERCIZI PUBBLICI CONTROLLATI: nr. 03
CONTROLLO AI SOGGETTI AGLI ARRESTI DOMICILIARI: 28
Durante detti servizi una volante intercettava sulla SP 235, nell’ambito extraurbano del comune di Crema, un’ autovettura FORD C-MAX che risultava illecitamente asportata poche ore prima al legittimo proprietario in località Credera Rubiano (CR). Dopo un breve inseguimento il mezzo predetto veniva bloccato dalla volante, collaborata da un’unità operativa del Distaccamento Polstrada di Crema. Alla guida del veicolo vi era un italiano di anni 56 residente a Moscazzano (CR), gravato da numerosi precedenti penali e di polizia per reati contro il patrimonio, che veniva immobilizzato e condotto presso questi Uffici. Lo stesso, stante la trascorsa flagranza, è stato indagato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cremona per il reato di Ricettazione e munito del provvedimento di Foglio di Via Obbligatorio con il divieto di fare ritorno nel Comune di Crema.

Un soggetto ucraino di anni 26 dimorante a Crema è stato indagato per il reato di furto aggravato in quanto in ore serali asportava da autovetture parcheggiate in questo Vicolo Rino alcuni oggetti e effetti personali contenuti all’interno. Una donna, abitante nella zona, affacciatasi alla finestra notava la scena e contattava il Commissariato tramite il 112 NUE. Nel frattempo l’autore si allontanava dal luogo ma veniva poco dopo riconosciuto e fermato da una volante intervenuta. La prontezza e lo zelo della testimone, una anziana donna cremasca, sempre attenta a quello che accade intorno a se’, permettevano di assicurare alla giustizia il malfattore già conosciuto a questo Ufficio per aver commesso reati della stessa indole.
Una cittadina italiana di anni 35 residente a Crema, con diversi precedenti penali e di polizia per reati contro il patrimonio, durante un controllo della volante alla locale stazione F.S., è stata trovata in possesso di una bicicletta di cui non era in grado di giustificare la disponibilità. Il mezzo risultava essere stato asportato poco prima ad una straniera che aveva segnalato l’episodio a questo Ufficio descrivendo meticolosamente il mezzo. La trentacinquenne veniva indagata per ricettazione e la bicicletta restituita alla legittima proprietaria che esprimeva una palese soddisfazione in quanto il mezzo le era necessario per recarsi al lavoro.
Venivano sottoposti a controllo tre esercizi pubblici ubicati nella zona centrale della città; ad uno di essi venivano contestate diverse infrazioni di natura amministrativa e il titolare segnalato alla Prefettura di Cremona a cui saranno trasmessi i relativi verbali.
Sono stati inoltre segnalati alla predetta Prefettura ai sensi dell’art. 688 c.p. (ubriachezza) quattro cittadini italiani che in luoghi e occasioni diverse sono stati colti in luoghi pubblici in stato di manifesta ubriachezza.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...