Pescara, primo weekend in zona bianca, la Polizia attiva nei controlli

Pescara, nella prima serata di Sabato cadente in Zona Bianca, senza restrizioni di carattere temporale e territoriale allo spostamento della popolazione, le Forze di Polizia hanno assicurato uno specifico servizio di presidio del territorio sino a tarda notte, nell’ambito delle attività volte a garantire l’Ordine e la Sicurezza pubblica.

Le attività di controllo sono state programmate all’esito della riunione che si è tenuta giorni addietro in Prefettura, presieduta dal Sig. Prefetto ed alla quale hanno partecipato il Questore della Provincia di Pescara, i Sigg.ri Comandanti Provinciali dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e della Polizia Municipale di Pescara.
Il servizio è stato svolto dal Personale della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e della Polizia Municipale di Pescara, attuando pattugliamenti soprattutto in forma appiedata, nell’ambito delle tre aree cittadine di maggiore aggregazione sociale, dove sono concentrati locali di ristorazione e intrattenimento e dove si svolge la cd. “movida”: Piazza Muzi e zone limitrofe, area cd. di “Pescara vecchia” e sul lungomare cittadino.
Il dispositivo ha avuto una duplice finalità, da una parte prevenire condotte che potrebbero arrecare turbative quali risse, liti, schiamazzi, ecc. e dall’altra intervenire con ogni possibile tempestività in caso di emergenze di sorta. Altresì le attività poste in essere hanno mirato al controllo dei locali in relazione all’osservanza della normativa sul divieto di somministrazione di bevande alcooliche ai minori, che costituisce illecito e che è un fenomeno non trascurabile nell’ambito dei luoghi di aggregazione maggiormente prediletti dai più giovani.
Il Personale delle Forze di Polizia ha vigilato anche sul rispetto dell’Ordinanza comunale emessa giorni addietro, volta a regolamentare l’orario di chiusura dei locali e il divieto di stazionamento nelle immediate vicinanze degli stessi, dopo la loro chiusura.
Non si sono comunque registrati episodi di criticità né di violenza. Come già accaduto nei giorni scorsi, in tale ambito, il Questore valuterà l’adozione nei confronti di chi scatena o partecipa a risse della misura di prevenzione del cd. “Daspo Willy”, consistente nel divieto di accesso ai locali di intrattenimento e ai pubblici esercizi, per i protagonisti di disordini o atti di violenza e per i soggetti che abbiano riportato una o più denunce o una condanna non definitiva nel corso degli ultimi tre anni, relativamente alla vendita o alla cessione di sostanze stupefacenti o psicotrope.
Al termine delle attività delle Forze di Polizia, risultano essere state sottoposte a controllo nr. 174 persone, nr. 6 esercizi commerciali e nr. 88 veicoli.
Il Personale della Squadra di Polizia Amministrativa della Questura di Pescara, nel corso delle attività di mirato controllo al rispetto del divieto di somministrazione di alcoolici ai minori di età inferiore ai 16 anni o compresa tra i 16 e i 18 anni, ha denunciato alla competente A. G. il titolare di un esercizio commerciale in ambito cittadino, in relazione all’art. 689 del c.p., unitamente a due dipendenti addetti alle attività di somministrazione, e altresì ha elevato nei loro confronti la contestazione amministrativa ai sensi dell’Art. 14 ter L. n. 125/2001.
A tal riguardo sono in corso ulteriori approfondimenti per l’eventuale adozione di altre misure.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...