Milano, un nuovo servizio di Motosoccorso al servizio dei cittadini

Al via da lunedì  24 ottobre 2022 la sperimentazione

Milano, un nuovo servizio di Motosoccorso al servizio dei cittadini.

AREU Lombardia gestisce il sistema di emergenza preospedaliera su tutto il territorio  regionale e monitora le proprie attività operative, al fine di poter migliorare costantemente  le performance del servizio di soccorso sanitario. 

In questo contesto gli intenti di AREU incontrano il progetto di Jacopo Jona Falco, giovane  medico e volontario dell’Organizzazione di Volontariato Intervol /ANPAS, e si traducono in  una sperimentazione operativa sul territorio della Città di Milano, coordinata dal Dott.  Riccardo Stucchi, Direttore AAT 118 Milano dell’Agenzia Regionale Emergenza Urgenza. 

La sperimentazione

Tale sperimentazione prevede l’impiego di un motoveicolo a tre ruote come Mezzo di  Soccorso ad intervento Rapido (Motosoccorso) ad integrazione dei Mezzi di Soccorso di  Base (MSB) e dei Mezzi di soccorso Avanzato (MSA) operativi nell’area della  sperimentazione. 

Il mezzo per il Motosoccorso e il personale operativo sono stati messi a disposizione dall’OdV  Intervol/ANPAS, attraverso la convenzione continuativa stipulata da AREU con la rete  nazionale ANPAS. L’equipaggio è composto da due soccorritori certificati. La sperimentazione partirà lunedì 24 ottobre 2022 ed avrà una durata di 2 mesi (fino al 23  dicembre), con operatività garantita dal lunedì al venerdì, dalle ore 10.00 alle ore 18.00. Il motoveicolo stazionerà in Piazza Duomo è sarà attivato, di norma, nell’area della città  compresa all’interno della Cerchia dei Bastioni. 

Risposta alle emergenze primarie

Il Motosoccorso sarà prevalentemente impiegato nei seguenti casi: 

  1. First Responder per gli eventi nei quali l’arrivo in posto del motoveicolo sarà stimato come  più rapido rispetto a quello degli altri mezzi (MSB/MSA) e dove contestualmente ci sia la  necessità di eseguire trattamenti salvavita (ad es. rianimazione cardiopolmonare e  defibrillazione precoce, disostruzione delle vie aeree).
  2. Valutazione primaria dei pazienti con codice di gravità minore, dove l’intervento  potrebbe essere concluso in posto a seguito dell’operato dei motosoccorritori, senza  successiva necessità di ospedalizzazione. 
  3. Supporto agli equipaggi dei MSB/MSA già operativi su un evento per la gestione dei  pazienti sul posto. 

Motosoccorso ed equipaggiamento

Il motoveicolo utilizzato per la sperimentazione è un maxi scooter a tre ruote Piaggio MP3  500cc, allestito con sirena e lampeggianti e dotato delle attrezzature necessarie ad  effettuare manovre di primo soccorso sia su pazienti adulti che pediatrici. I dispositivi a disposizione dell’equipaggio comprendono defibrillatore (DAE), bombola di  ossigeno, strumenti per la ventilazione artificiale, elettrocardiografo, aspiratore elettrico, set  per la medicazione delle ferite, saturimetro e misuratore di pressione automatico, collari  cervicali.  

Le comunicazioni con la Sala Operativa Regionale Emergenza Urgenza (SOREU) Metropolitana saranno effettuate tramite telefono cellulare con applicativo dedicato e  radio portatile.  L’equipaggiamento personale dei motosoccorritori prevede apposite protezioni necessarie  allo svolgimento del servizio in sicurezza.

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...