Sbarca al Mart di Rovereto dopo il successo a Palazzo Reale di Milano "Umberto Boccioni. Genio e memoria"

E’ certo, ormai, il riscontro di pubblico e il grande successo che la mostra tenutasi quest’anno a Palazzo Reale di Milano, “Umberto Boccioni. Genio e Memoria”, ha registrato: un’esposizione dedicata all’artista, possiamo dire naturalizzatosi milanese, lui nato a Reggio di Calabria, lui frequentatore di Giacomo Balla, da cui su l’influenza, lui sodale di Marinetti, l’ideatore del Manifesto Futurista, lui, infine, fondatore del futurismo tecnico, attraverso una ricerca e un’analisi approfondite e un’attenta e accurata attenzione ai moduli conoscitivi e interpretativi di una produzione, gran parte della quale non conosciuta.

Rovereto all’interno delle sale del Mart ospiterà, infatti, dal 5 Novembre al 17 Febbraio 2017 la stessa mostra che si è tenuta a Palazzo Reale, creando, in questo senso, uno spirito di collaborazione e di confronto tra istituzioni museali importanti e fondamentali per la promozione del patrimonio artistico italiano e internazionale. Fu proprio l’opera “La città che sale” che accreditò Umberto Boccioni come il principale inventore e ideatore della tecnica futurista, identificando nella dinamica la caratteristica precipua dello stile dell’autore, che aveva già avuto modo di esprimere attraverso il movimento e la luce la configurazione di un’immagine scomposta e decomposta, quasi si accedesse a un divisionismo originale che guardava a sviluppi, estetico compositivi, futuri. Umberto Boccioni per diversi anni si insediò a Parigi, dopo aver trascorso gran parte della sua esistenza a Roma, dove entrò in contatto con grandi maestri del calibro di Severini e Sironi, e prima di stabilirsi definitivamente a Milano.

La collaborazione tra Museo del Novecento di Milano, Castello Sforzesco di Milano, Palazzo Reale di Milano e il Miart di Rovereto porta a dare rilevanza a un modulo espositivo che ha reso omaggio alla portata immensa dell’artista, lui espressione di una sperimentazione e di uno stile autorale proprio e complesso, fondato su basi concettuali e su una tecnica compositiva immense e complesse, attraverso prestiti da parte di importanti istituzioni museali e da collezioni private internazionali, a cura di Francesca Rossi, Castello Sforzesco di Milano, con la collaborazione di Agostino Contò, Biblioteca Civicva di Verona, e grazie alla ricedrca condotta dal Museo del Novecento di Milano, da Palazzo Reale di Milano e dalla Casa Editrice Eelcta, oltre allo stesso Mart di Rovereto.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Soddisfatto risulta essere l’Assessore alla Cultura del Comune di Milano, Filippo Del Corno, riguardo a un progetto di collaborazione che promuove la ricerca e lo studio approfondito su Boccioni e che esprime un modello espositivo molto avvincente e interessante, completo quanto unico: un modello che ha registrato successo di critica e di pubblico a Milano e che, sicuramente, confermerà la propria validità. La mostra su Boccioni vede integrazioni da parte di collezioni e studi di ricerca sulla figura dell’artista futurista proposte dalla Casa d’Arte Futurista Depero, seconda sede del Mart, e vede una forte sinergia con l’attività di ricerca dell’Archivio del ’900 del Mart.

Articolo di Alessandro Rizzo


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...